Sukhothai, visita al parco storico dell’antica capitale

Parco Storico di Sukhothai
Parco Storico di Sukhothai

Siamo in Thailandia, un Paese che mi ha molto emozionato e che ricordo sempre con un pizzico di nostalgia. La Thailandia è un mondo che ti cattura e ti affascina e, grazie alla sua storia molto ricca e ad una natura rigogliosa e dirompente, offre sempre un giusto mix che accontenta sia gli amanti della spiaggia o delle escursioni all’aperto, sia chi ama le visite di scoperta o le esplorazioni cittadine e lo shopping.

Lungo il mio viaggio verso nord in treno da Bangkok a Chiang Mai, percorso lungo cui ho scoperto la stupenda Ayutthaya, c’è un altro importante sito storico che merita di essere visitato, sto parlando del Parco Storico di Sukhothai, prima capitale della Thailandia.

Night Market di Phitsanulok, base per visitare Sukhothai
Night Market di Phitsanulok, base per visitare Sukhothai

Arrivo e soggiorno a Sukhothai

Il periodo che vide Sukhothai come capitale (da metà XIII secolo alla fine del XIV) viene definito il periodo d’oro nella storia della Thailandia, proprio per questo non bisogna meravigliarsi se il parco archeologico è oggi uno dei luoghi più visitati e presenta esempi di architettura sacra che sono ritenuti l’espressione più classica tra gli stili del paese.

Questa località non si trova, tuttavia, lungo il tragitto ferroviario che punta verso nord. Se state viaggiando in questo modo vi sarà necessario fermarvi a Phitsanulok, una cittadina piacevole e piuttosto moderna che può costituire un’ottima base (io ho soggiornato qui grazie alle numerose soluzioni low cost proposte dalle strutture cittadine) per visitare Sukhothai.

Se siete in dubbio sappiate che Phitsanulok, che sorge lungo il corso del fiume Mae Nam Nan, se di giorno può sembrare poco caratteristica e impersonale, di notte si anima regalando la possibilità di vivere il vivace night market, il mercato notturno, che prende vita proprio sul lungofiume.

La visita di Sukhothai può essere organizzata in giornata da qui, il mezzo di trasporto più comodo è il bus che raggiunge il parco archeologico in un’ora, le corse partono da Phitsanulok (e viceversa) ogni 30 minuti.

L’altra alternativa può essere quella di soggiornare direttamente a Nuova Sukhothai, cittadina tranquilla che poco ha del suo storico passato, ma che può comunque essere una scelta valida. Io optai per Phitsanulok sia per i costi inferiori delle sistemazioni che per il fatto che Nuova Sukhothai dista comunque circa 12 Km dal parco archeologico, che quindi è improponibile raggiungere a piedi.

Serata lungofiume a Phitsanulok, base per visitare Sukhothai
Serata lungofiume a Phitsanulok, base per visitare Sukhothai

Visita al Parco Storico di Sukhothai

La città vecchia di Sukhothai, la meuang kào, si estende su un’area di 45 kmq ed è completamente punteggiata da antiche rovine, ruderi e templi dai quali traspare il fascino della storia. La parte più significativa per la visita, anche in funzione del tempo a disposizione, è il cuore racchiuso tra le antiche mura. Queste sono le rovine di Sukhothai, sito protetto dall’UNESCO e località tra le più suggestive della Thailandia.

Il biglietto d’ingresso non è molto caro (150 Bath per il biglietto complessivo, che al tempo della mia visita corrispondevano a circa 3€ – il parco è diviso in 5 zone per le quali si pagano, volendo, biglietti separati del costo di 30 B – 40 B per la zona centrale) sopratutto se vi accontenterete di visitare solo la zona centrale, quella che possiamo definire più integra e caratteristica, che ospita ben 21 siti e 4 grandi stagni.

Nel raggio di 5 Km si possono trovare altri 70 siti d’interesse, se avete tempo a disposizione e vorrete visitarli tutti, compresi i musei, sappiate che il biglietto cumulativo ha una validità di 30 giorni.

Una soluzione utile per velocizzare la visita del parco può essere quella di noleggiare una bicicletta (le noleggiano proprio vicino alle casse), in questo modo si possono percorrere maggiori distanze, senza privare la visita di un tocco di lentezza che permette di apprezzare al meglio questo luogo.

A spasso tra le rovine di Sukhothai
A spasso tra le rovine di Sukhothai

Rovine di Sukhothai

Potendo disporre di una sola giornata di tempo mi sono concentrato sulla visita della parte centrale del parco, le rovine racchiuse dalle mura.

Dopo aver noleggiato una bicicletta (per la quale si paga un piccolo supplemento sul biglietto e della quale vi consiglio di testare prima la comodità del sellino) ho varcato le mura del cuore dell’antica città e mi sono letteralmente perso tra le sue bellezze.

Sono un amante dell’architettura orientale e poter finalmente vedere di persona un sito che ho tanto sognato mi riempie di gioia, ma anche di infinita meraviglia, sopratutto perché non ho avuto alcun motivo per rimanerne deluso.

Wat Mahathat, Sukhothai
Wat Mahathat, Sukhothai

Seguendo un itinerario consigliato su una guida cartacea che avevo trovato, decido di affrontare la visita da solo, sebbene sia possibile avere con se una guida. Tuttavia il mio opuscolo mi sembra molto dettagliato e decido di volermi muovere liberamente per dedicare tempo ai diversi siti in base alle sensazioni che mi trasmettono.

Occorre prestare attenzione al percorso per orientarsi, l’area è caratterizzata dalla presenza di numerosi chedi dalla caratteristica forma a bocciolo di loto (non mancano anche alcuni stili successivi che vennero introdotti sempre durante il periodo storico) e cercare di utilizzarli come punto di riferimento dopo un po’ tende a confondere.

Il più grande di questi templi è il Wat Mahathat, circondato da mura di mattoni venne ultimato nel XIII secolo ed è un ottimo punto di partenza per la visita del sito. Il Wat Mahathat è il più grande dei templi dell’antica Sukhothai, considerato il cuore della città antica, con i suoi 198 chedi e, sparpagliate qua e la, alcune imponenti statue del Buddha che presentano i segni del tempo. Tra i camminamenti, il fossato e i resti delle antiche strutture gli scorci mozzafiato sono in ogni dove. E questo è solo l’inizio.

Wat Si Sawai, Sukhothai
Wat Si Sawai, Sukhothai

Proseguo la mia visita seguendo un itinerario che mi porta alla scoperta di tutti i 21 siti di questa sezione del parco, il Wat Trapang Ngoeng mi ha colpito per le sue architetture, mentre del Wat Si Sawai sono da ricordare le tre torri in stile khmer, davvero da non perdere.

Molto particolare è il Wat Sa Si, chiamato anche Monastero dello Stagno Sacro. Esso sorge su una piccola isola, a poca distanza dal monumento bronzeo dedicato al Re Ramkhamhaeng, di per sè molto semplice ma significativo, è costituito da un wat nello stile classico di Sukhothai che ospita una grande statua del Buddha, un chedi e, a rendere più suggestiva la scena, le colonne del wihâan in rovina.

Questi sono solo alcuni dei siti presenti internamente alla cerchia di mura, di tanto in tanto durante il percorso, tra i verdeggianti viali e i sentieri, troverete qualche chiosco e al centro delle rovine si trova anche un punto informazioni dove potersi orientare.

Gli stagni di Sukhothai
Gli stagni di Sukhothai

Sukhothai fuori dalle mura

Tempo permettendo, i siti esterni alle mura, sovente più trascurati, avvolti dalla vegetazione e difficilmente raggiungibili, tendono a regalare suggestioni inestimabili, poiché la loro condizione di isolamento e trascuratezza tende a renderli più affascinanti, quasi custodi del tempo che fu.

Pedalando svelto, per sfruttare al meglio il tempo a disposizione, mi sposto all’esterno delle mura, alcuni siti non troppo distanti sono compresi nell’area centrale del parco. Costeggiano il cuore della città antica ne oltrepasso i limiti alla ricerca di un tempio raccomandato per il panorama che si può godere sulle rovine dalla collina su cui sorge.

Dopo un po’ di ricerca e aver domandato ad alcuni contadini riesco a individuarlo, il Wat Saphan Hin, con le sue colonne in rovina, sorge in cima a un piccolo colle la cui salita, dopo tutta la giornata in sella, mi sembra una scalata interminabile.

Salgo il più leggero il possibile, senza voltarmi per non rovinare l’emozione. Finalmente sono davanti ai gradini di pietra, consumati e pieni di muschio, e davanti a me, oltre le due file di colonne laterali, alcune delle quali cadute, vedo un alto Buddha che mi osserva tenendo sollevata la mano destra.

Wat Saphan Hin fuori dalle mura di Sukhothai
Wat Saphan Hin fuori dalle mura di Sukhothai

Lo guardo per qualche secondo recuperando il fiato, è bellissimo. Mi giro e rivolgo lo sguardo dietro di me, verso le rovine, e lo spettacolo è mozzafiato. Vedere dall’alto il cuore dell’antica Sukhothai sprigiona in me emozioni talmente forti da farmi a stento trattenere qualche lacrima. Sukhothai è meravigliosa.

Passeggio un po’ in questo piccolo tempio e scatto qualche foto, più e più volte mi giro verso di lui e lo guardo, il Buddha, mentre il cielo si oscura a causa del temporale in arrivo.

Proprio le gocce di pioggia mi convincono a rientrare, mi rendo conto di non aver visto tutto, ma mi ritengo molto soddisfatto di quanto ho potuto vedere, pedalo più svelto che posso e riconsegno la mia due ruote poco prima che il diluvio decida di fare sul serio.

In cerca di riparo corro sotto a degli ombrelloni che stanno vicino a un piccolo chiosco, mi siedo e ordino una bibita e, annusando il profumo che proviene dalla piastra stuzzicandomi l’appetito, azzardo a ordinare un pad-thai al volo.

Non potrò mai dimenticare questo pranzo, sotto la pioggia battente, consumato con un foglio di giornale come tovaglietta e osservando le grandi gocce che scrosciano torrenziali nel fango e nelle pozzanghere tutte intorno a me. Non lo potrò mai dimenticare perché è stato uno dei migliori pad-thai della mia vita!

Wat Sa Si, il Monastero dello Stagno Sacro di Sukhothai
Wat Sa Si, il Monastero dello Stagno Sacro di Sukhothai
Informazioni su Gian Luca Sgaggero 492 Articles
Aka Sphimm, travel blogger, web content writer e social media strategist, appassionato di viaggi fai da te, luoghi, tradizioni e culture lontane, sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, di autentico e di vero in questo mondo che sempre più spesso somiglia ad un teatrino a misura di turista. Non importa dove, come o quando, l'importante è esserci e vivere fino in fondo! Mansione: fotografo e redattore blog, organizzatore e promotore viaggi estero.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*