Alessandria e Monferrato itinerari di visita in un fine settimana

Hai notato questo spazio?

promo banner generico articoli Viaggia e Scopri
Monferrato itinerari
Monferrato itinerari

Sono da poco rientrato da una weekend in Piemonte, in provincia di Alessandria in un territorio che affascina gli occhi e riempie il cuore. Non è stata per me la prima volta e voglio parlarti quindi di cosa fare in Monferrato itinerari per un fine settimana.

La prima cosa da scegliere per una visita in Monferrato è una buona base di partenza che permetta di raggiungere i luoghi migliori in poco tempo e con facilità. Se Casale Monferrato può essere di per se un’ottima base nonché già una cittadina ricca di cose da vedere, la scelta più centrale secondo me è Alessandria.

Alessandria, oltre che provincia, si trova in una posizione strategica sul territorio ed è ben collegata con ogni sua parte per mezzo di buone vie stradali. Crocevia commerciale e culturale, essa è sempre cresciuta in ombra delle vicine Milano e Genova, sviluppatesi in maniera più consistente poiché divenute centri di maggior gravitazione sia economica che culturale.

Monferrato itinerari, panorama tra i colli
Monferrato itinerari, panorama tra i colli

Questo tuttavia non priva Alessandria del suo fascino. Tra Piazza della Libertà e Piazza Garibaldi si snodano alcune vie pedonali dove fare shopping durante una passeggiata che non manca di regalare scorci davvero graziosi.

Ultima considerazione, non da sottovalutare, è la vasta scelta di sistemazioni che Alessandria propone, permettendo al viaggiatore di trovare sia quelle più economiche che quelle più lussuose. Un consiglio di alta classe ma senza esagerare può essere l’Hotel Londra, a poca distanza dalla stazione ferroviaria, o l’Hotel Alli Due Buoi Rossi situato un po’ più in centro.

Spostandosi in auto sarà quindi molto facile raggiungere zone morfologicamente differenti, ma pur sempre parte di questo territorio entrato a far parte dei siti patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. Ben 29 comuni fanno parte di esso.

CLICCA QUI: Cerca un hotel ad Alessandria

L’Alto Monferrato e l’influenza ligure

Contrariamente a quanto dice il nome, l’Alto Monferrato è la parte più meridionale del territorio, ovvero quella parte che si innalza verso gli appennini liguri ed è caratterizzata da rilievi collinari e montuosi più marcati.

Simbolo maggiore dell’influenza ligure in questa zona è Novi Ligure, caratterizzata da vie dove ancora si vedono nitidi i decori e gli affreschi tipici dell’architettura dei borghi della vicina Liguria, che si trova proprio oltre le montagne verso il mare.

Ancora più a sud si trova Gavi, altra piccola cittadina caratterizzata dall’imponente Forte di Gavi che sorge sulla collina rocciosa. Questa costruzione risale all’anno 1000 d.C. e fu ampliata e modificata nel corso dei secoli, passando dall’essere una caserma a divenire un carcere oggi non più utilizzato.

CLICCA QUI: Cerca un hotel a Gavi

Monferrato Itinerari, parorama di Gavi
Monferrato Itinerari, parorama di Gavi

Questa zona è oggi anche molto nota per il vino cortese Gavi, marchio territoriale che si distingue per le proprietà che l’uva prodotta qui acquisisce grazie al terreno e alle particolari condizioni ambientali. Una visita a Villa Sparina ti permetterà di scoprire un luogo immerso nel paesaggio che caratterizza maggiormente il Monferrato, le colline, e ti permetterà di degustare l’ottimo Gavi che l’azienda agricola storicamente produce.

Spostandosi verso ovest invece si incontra Acqui Terme, località termale nella cui area sgorgano più di 50 sorgenti termali naturali, fattore che rende Acqui una località fiorente fin dai tempi dei Romani, che costruirono un imponente acquedotto per portare fin qui acqua potabile.

Un pomeriggio in uno degli stabilimenti termali ti regalerà riposo e relax, noi abbiamo scelto per la seconda volta il Lago delle Sorgenti e per la seconda volta lo consiglio, anche con poche ore di tempo qui sembra di rinascere.

In serata infine Acqui Terme offre varie alternative per la cena, una molto valida è il Ristorante La Curia, provato per due volte e per due volte soddisfatto. Mentre il centro è adatto per una passeggiata tranquilla, tra le vie e le piazze, dove ammirare la cattedrale o la sorgente simbolo della città: La Bollente.

CLICCA QUI: Cerca un hotel a Acqui Terme

Monferrato Itinerari, percorsi di trekking
Monferrato Itinerari, percorsi di trekking

Se invece ami le escursioni in collina il consiglio è di andare fino a Ponzone. Questo comune, considerato il più lungo d’Italia per i suoi 25 Km di lunghezza, si sviluppa sospeso sulla costa di un a formazione collinare e, proprio per questo, è un ottimo punto di osservazione per suggestivi panorami e per le attività di trekking o bike.

Sempre a Ponzone si trova anche l’Agriturismo Le Piagge, dove Stefania ti attende per accoglierti e ospitarti in una base immersa nella natura. A lei potrai anche chiedere informazioni su come organizzare le tue escursioni in questa zona dell’Alto Monferrato.

Monferrato Itinerari, Distilleria Mazzetti di Altavilla
Monferrato Itinerari, Distilleria Mazzetti di Altavilla

Il Basso Monferrato itinerari di gusto e cultura

Dirigendosi verso nord si entra invece in quello che meglio si conosce come Basso Monferrato. Qui il paesaggio è via via più dolce, le colline si fanno più basse fino a raggiungere la pianura che confina con il limite settentrionale del Monferrato.

Sempre legato al vino e ai suoi derivati, questo territorio ospita Altavilla Monferrato, una località che si può identificare come punto di riferimento per le distillerie di grappa.

Una delle maggiori famiglie di distillatori è la famiglia Mazzetti e, contattando l’Antica Distilleria Mazzetti di Altavilla, è possibile organizzare una visita guidata dello stabilimento/museo per scoprire di persona il processo produttivo di questo elisir della tradizione locale e per degustare anche i vari tipi di grappa prodotti.

Monferrato Itinerari, Cella Monte
Monferrato Itinerari, Cella Monte

Se decidi di passare di qui, un consiglio è quello di cercare due piccole località collinari. Sto parlando di Cella Monte e di Moleto (frazione di Ottiglio), esse sorgono su colline di arenaria che tra la fine del 1800 e la prima metà del 1900 hanno visto nascere gli Infernot.

Un infernot è un’appendice della cantina, un locale ipogeo che mantiene temperatura costante durante l’anno ed era utilizzato per la conservazione degli alimenti, del vino imbottigliato, ma anche come locale abitativo dove gli uomini si trovavano a conversare, mangiare e bere vino.

Caduti in disuso gli infernot sono stati dimenticati e, seppur presenti in quasi tutte le abitazioni della zona, vengono oggi riscoperti come luoghi di visita, custodi di una tradizione e di uno stile di vita proprio di questo territorio.

A Cella Monte esiste anche l’Ecomuseo della Pietra da Cantoni, una particolare pietra arenaria estratta in questa zona che fu utilizzata per la costruzione degli edifici e per numerose opere edilizie. Attualmente lo stesso paese di Cella Monte è un museo a cielo aperto.

CLICCA QUI: Cerca una sistemazione a Cella Monte

Monferrato Itinerari, Casale Monferrato
Monferrato Itinerari, Casale Monferrato

In ultimo, ma per questione di giorni e di tempo non certo per importanza, non perdere una visita a Casale Monferrato, graziosa cittadina capitale del Monferrato, ricca di arte e cultura.

L’importante comunità ebraica che in passato risiedeva qui ha lasciato una delle più belle sinagoghe del Piemonte e non solo, essa è visitabile su appuntamento, come è visitabile il palazzo signorile più bello di Casale, Palazzo Sannazzaro, ancora oggi di proprietà degli eredi dell’antica famiglia nobiliare.

Di grande interesse è anche il Duomo cittadino, da cui iniziare una passeggiata nel corso centrale della città che giunge fino al grande castello che oggi è in fase di restauro.

Per gli amanti della natura Casale Monferrato da la possibilità di visitare un tratto del Parco Fluviale del Po, mentre per gli amanti della buona cucina il consiglio è di cercare il Ristorante La Torre, dove gustare i sapori della tradizione piemontese o, in alternativa, provare i piatti della cucina Kosher della tradizione ebraica.

CLICCA QUI: Cerca un hotel a Casale Monferrato

Monferrato Itinerari, Villa Sparina
Monferrato Itinerari, Villa Sparina

Il consiglio di classe in Monferrato

Mentre giri in lungo e in largo per il Monferrato, se ti viene voglia di un luogo esclusivo e di classe, rurale ma allo stesso tempo raffinato, allora recati a Quattordio. Qui si trova il Relais Rocca Civalieri, un vasto complesso, un tempo adibito ad azienda agricola, che ha subito un pesante e rigenerante restauro dando origine a uno dei luoghi più lussuosi del Piemonte.

Il relais dispone di camere per soggiornare, di un ristorante che propone ottima cucina tradizionale rivisitata con un tocco di moderna fantasia, di un centro benessere e di spazi adatti ad ospitare meeting e conferenze, oltre che cerimonie.

Tirando le somme, forse un fine settimana è un po’ poco per vedere tutto quanto, ma spero che questo possa essere uno spunto per visitare il Monferrato in una settimana o magari due o più weekend separati.

Quello che ho capito dopo due viaggi intensivi in Monferrato è che di cose da vedere ce ne sono molte e che devo tornare per scoprirle e viverle ancora fino in fondo.

Informazioni per la visita di Alessandria e del Monferrato possono essere reperite contattando gli uffici di ALEXALA, l’Agenzia Turistica Locale della provincia di Alessandria.



Booking.com

Monferrato Itinerari, chiesetta a Moleto
Monferrato Itinerari, chiesetta a Moleto

promo:

About Gian Luca Sgaggero 585 Articoli
Sono un narratore turistico, appassionato di viaggi fai da te, luoghi, tradizioni e culture lontane, racconto le mie esperienze sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, di autentico e di vero. Non importa dove, come o quando, l'importante è esserci e vivere fino in fondo!Contattami per collaborare con me, sono travel blogger di professione dal 2010, digital content creator, storyteller e social media strategist.

6 Comments

  1. Buongiorno, vorrei un parere riguardo quali siano le principali problematiche del Basso Monferrato (dal punto di vista turistico). Quali secondo lei potrebbero essere le soluzioni per rendere la zona un punto attrattivo?
    Cordiali saluti

    • Salve Federica e grazie del commento. Credo non sia molto semplice dare consigli sulle dinamiche del turismo, principalmente ci vogliono accoglienza e servizi funzionanti sul territorio (questo sta alla base), poi occorre far parlare del territorio. Il Monferrato è già una delle zone più fortunate sotto questo aspetto, l’UNESCO ha contribuito a renderne noto il nome, quello che occorre sono giuste strategie di comunicazione per farlo meglio conoscere al mondo. Per eventuali approfondimenti sentiamoci via mail, è meglio. Gian Luca

  2. Ti volevo chiedere se possibile un piccolo aiuto. Lunedì di pasquetta vorrei portare mio figlio autistico di 21 anni in giro un po’ per le colline fra Gavi e Ovada (la cosidetta strada dei castelli). Era da un po’ che volevo farla.
    Ti volevo chiedere se l’itinerario è difficoltoso o non particolarmente? E se sono molto affollati tutti questi luoghi o non eccessivamente?
    Questo perché mio figlio ha dei problemi quando è attorniato da una massa eccessiva di persone. Eventualmente cosa mi consiglieresti, in questa zona, da visitare?
    Ti ringrazio molto per la tua eventuale risposta. Grazie!

    • Buongiorno Massimo e grazie per il tuo commento.
      Con un po’ di preavviso avremmo potuto certamente organizzarvi qualcosa ad hoc, tuttavia ormai il tempo stringe. Per quanto ne so nel giorno di Pasquetta ti conviene evitare Ovada, si terrà il mercatino dell’antiquariato e la cittadina sarà affollata di turisti.
      I paesini di quella zona sono graziosi, ma spesso un po’ deserti (sopratutto nelle feste), tuttavia a Gavi qualcosa di aperto dovrebbe esserci e, se siete fortunati, potreste salire al Forte, che è sempre una bella esperienza.
      Spero di esserti stato un po’ d’aiuto e vi auguro un buon viaggio sulla strada dei castelli!
      Gian

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*