A Codevigo, nella Valle Millecampi, tutto il fascino della laguna

promo:

 Ponte dell'Immacolata a Courmayeur

Codevigo e la Valle Millecampi
Codevigo e la Valle Millecampi

Molti ignorano che la provincia di Padova arrivi fino a toccare il mare, e invece Codevigo, nella parte sudorientale della provincia, giunge fino all’Adriatico, un mare che si mischia all’acqua dei tanti fiumi che qui nella laguna veneta sfociano, creando in questa zona la Valle Millecampi.

La Valle Millecampi è un’area molto particolare, nelle sue acque trovano un habitat ideale molte specie animali, sia pesci di mare, che sopravvivono nell’acqua salmastra, che numerose specie avicole che rendono la zona adatta al bird watching, pratica sempre più in voga anche perché qui è possibile osservare i fenicotteri rosa mentre fanno tappa lungo il loro viaggio di migrazione verso la Sardegna.

Codevigo, spiaggia della Boschettona
Codevigo, spiaggia della Boschettona

Ma andiamo per gradi.

Dovete sapere che, come molti di voi, anche io non ero a conoscenza di questa parte della provincia di Padova, sono infatti stati degli amici dell’Associazione Serenissime Terre a farmela scoprire, grazie a un progetto di promozione del territorio. In particolar modo dobbiamo ringraziare Cristina perché, nonostante la pioggia non ci abbia dato tregua, ha molto insistito per farci vedere l’unico lembo della provincia bagnato dal mare.

La spiaggia della Boschettona a Codevigo

Lasciando Codevigo e immergendosi nella periferia dei suoi campi ci si avvicina pian piano alla parte costiera del suo territorio, una zona che non volge al mare aperto, ma che si trova interna alla laguna, la stessa su cui si affacciano Venezia a nord e Chioggia più a sud.

In quest’area un tempo invasa dalla palude, le terre sono state strappate al mare con la fatica, creando canali e sistemi di drenaggio che potessero salvare quanto più possibile il terreno per renderlo coltivabile.

La zona che resta tra i campi e la laguna, benché sabbiosa, è sempre stata piuttosto difficile da praticare, finché, grazie ad un progetto di valorizzazione, non sono stati realizzati dei pontili e bonificata una parte della zona sabbiosa dalla quale è emersa una spiaggia oggi molto rinomata tra gli abitanti del luogo.

Raggiungerla non è proprio semplice, ma noi ci siamo arrivati in pullman durante una fitta pioggia quindi in condizioni di bel tempo il percorso è assolutamente percorribile. Inoltre proprio la sua ‘lontananza’ la rende un posto molto tranquillo dove godere della natura.

Codevigo, area botanica alla spiaggia della Boschettona
Codevigo, area botanica alla spiaggia della Boschettona

Durante la nostra visita purtroppo non è stato possibile vedere la spiaggia e nemmeno le barene (gli isolotti pianeggianti che punteggiano la laguna), le precipitazioni incessanti hanno infatti causato l’innalzamento delle acque lagunari, tanto da coprire la spiaggia della Boschettona. Tuttavia questo luogo è riuscito a conquistare il mio cuore, meritando un posto speciale tra i miei ricordi.

Mentre ancora Cristina cercava di spiegarci, tra ombrelli e impermeabili, della creazione di quest’oasi, il fascino della laguna ha rapito il mio sguardo. Passo dopo passo mi sono avvicinato al pontile e ho scoperto una parte iniziale divisa a quadranti, qui dentro crescono alcune piante lagunari ed è molto interessante poterle vedere da vicino e sopratutto poter venire a vederne i cambiamenti in base alle stagioni.

Dall’altra parte il pontile prosegue e l’atmosfera piovosa che rende cielo e mare una sola cosa mi attira con uno strano magnetismo. Percorro passo dopo passo la camminata di legno e mi trovo come sospeso, siamo solo io e l’acqua, sotto, sopra e intorno e anche il legno sotto i miei piedi ne è impregnato. La sensazione è stranissima, una di quelle rare volte in cui senti la natura scorrere dentro di te, vista la sua presenza così forte.

Codevigo, molo alla spiaggia della Boschettona
Codevigo, molo alla spiaggia della Boschettona

Piano piano torno alla realtà quando sento i passi dei miei amici che si avvicinano, anche loro come me si guardano attorno ammaliati da questa atmosfera che, pur impedendoci di godere della spiaggia, del panorama della laguna limpida e dell’orizzonte verso il mare, è riuscita a conquistarci tutti.

E chi lo dice che la laguna è bella solo quando c’è il sole?

Tornare verso l’autobus è quasi un peccato. Sto iniziando a sentire i vestiti umidi addosso nonostante l’ombrello, ma resterei ancora a cercare l’orizzonte, a perdermi in questo scenario quasi privo di colori e a osservare l’erba che si riflette sull’acqua increspata dalle gocce creando dei disegni che ricordano le macchie del test di Rorschach.

I casoni di Codevigo

Lasciamo la spiaggia della Boschettona come tanti bambini di rientro da una gita, tutti a osservarla allontanarsi dal vetro del bus, ma non lasciamo la laguna. Sempre spostandoci su strade sterrate arriviamo ai Casoni di Nuova Costruzione, edifici chiaramente moderni che hanno dei tetti molto spioventi, ovali e realizzati con fascine di rami che li rendono molto particolari. Al loro interno lo spazio è suddiviso in diversi piani abitabili e l’intero complesso, attualmente non utilizzato, è destinato ad ospitare eventi di accoglienza e manifestazioni.

Codevigo, Casoni di Nuova Costruzione
Codevigo, Casoni di Nuova Costruzione

Veniamo accolti nel casone più grande dove ci viene offerto un piccolo rinfresco organizzato da alcuni produttori locali, scopriamo così che non solo la zona è ottima per le coltivazioni (tra cui primeggiano il radicchio e gli asparagi bianchi di Conche di Codevigo), ma anche l’allevamento da ottimi prodotti, tra cui i formaggi e i latticini.

Sorseggiando qualche calice di vino conosciamo alcuni dei produttori presenti che ci parlano della grande qualità contenuta nei loro prodotti, coltivati o allevati nel rispetto dell’ambiente, mentre altri ci servono un assaggio di piatti di pesce tra cui ricordo il delizioso fritto di mare.

I produttori e l’Associazione Serenissime Terre svolgono un ruolo molto importante per lo sviluppo e per preservare la Valle Millecampi e non stupisce sentire dalle loro parole tutto l’amore che li lega a queste terre strette tra mare e pianura.

Proseguiamo la nostra visita spostandoci in un edificio che ha svolto un ruolo molto importante qui, non è l’unico, ma è di certo uno dei più importanti casoni, spesso immortalato nelle fotografie e apprezzato dagli abitanti del posto.

Il Casone delle Sacche ci appare silente, avvolto da transenne dovute ai lavori di manutenzione e dall’atmosfera ovattata che la pioggia crea. Esso sorge in uno di quei tratti di terra che stanno al limite con l’acqua, uno dei più estremi lembi che l’uomo ha conquistato alla laguna, edificio semplice dal punto di vista architettonico, è il luogo dove si trovano i moli da cui salpare per navigare nella laguna.

Codevigo, Cason delle Sacche
Codevigo, Cason delle Sacche

Alcune canoe riposte su dei sostegni ci fanno capire che qui spesso le persone vengono per provare l’emozione di navigare nella laguna, emozione che promette molto bene, ma che oggi, a causa dell’alta marea, non è sperimentabile poiché i moli sono sommersi dall’acqua.

In questo luogo un tempo si trovavano le barche dei pescatori e sull’erba erano stese le reti ad asciugare, alcune immagini che ritraggono questo luogo com’era un tempo le abbiamo viste in fotografia ai casoni, in esse è ritratto il Casone delle Sacche durante le riprese di ‘La moglie del prete‘, film che lo vide come set cinematografico in cui recitarono la Loren e Mastroianni.

Osserviamo anche qui la laguna che compare tra gli alberelli che delimitano il prato, anche qui è innegabile, la Valle Millecampi è capace di stregare.

Sempre in tema laguna, il nostro tour finisce alla Trattoria Vallona che ci attende per farci gustare i piatti tipici di Codevigo, tra di essi troviamo le moleche fritte, tanto decantate durante la nostra vista ai casoni, una vera delizia frutto della laguna.

Voi avete mai sperimentato il fascino della laguna? Siete mai stati a Codevigo nella Valle Millecampi? Da qui si può comodamente raggiungere anche Chioggia, ci siete stati?

Codevigo, riflessi nella laguna
Codevigo, riflessi nella laguna

promo:

 Ponte dell'Immacolata a Courmayeur

About Gian Luca Sgaggero 568 Articoli
Sono un narratore turistico, appassionato di viaggi fai da te, luoghi, tradizioni e culture lontane, racconto le mie esperienze sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, di autentico e di vero. Non importa dove, come o quando, l'importante è esserci e vivere fino in fondo! Contattami per collaborare con me, sono travel blogger di professione dal 2010, digital content creator, storyteller e social media strategist.

12 Comments

  1. Bello, affascinante questo articolo e molto belle le foto, ma alcune precisazioni sono doverose nel rispetto della nostra geografia. I fiumi non sfociano all’interno della laguna Veneta, un lungo e laborioso lavoro iniziato nel 1300 e continuato nei secoli ha portato i Fiumi più importanti a sfociare nell’Adriatico. Questo equilibrio alchemico di corsi d’acqua e opere umane di grande visione, ci permette di godere oggi di questo ambiente naturalistico tra i più straordinari del nostro Paese.

    • Grazie Alessandra per il tuo intervento, lo apprezzo molto in quanto costruttivo e sopratutto espresso da una local expert. Chi meglio di chi vive un territorio ne può descrivere accuratamente le caratteristiche? Ancora grazie per essere passata dal mio blog e… alla prossima! 🙂 Gian

  2. Mi aggiungo e apprezzo questo articolo stupendo dove traspare amore e rispetto per le nostre terre italiane e grazie per l’informazione che nelle vicinanze dove abito esiste questo capolavoro della natura che, da come scrivi, purtroppo è conosciuto da pochi, me compresa.

    • Grazie Lucia per il tuo commento, la Valle Millecampi mi ha davvero colpito, è stata una scoperta emozionante e probabilmente il meteo avverso l’ha resa ancora più speciale. Non sono ancora riuscito a tornare per vederla col sole!!! 🙂

    • Ciao Valentina e grazie per il tuo commento. Si, quando il livello dell’acqua in laguna è favorevole si può anche fare il bagno, la Spiaggia della Boschettona è molto conosciuta e i locals volevano farcela vedere a tutti i costi, peccato che nei giorni del mio viaggio la pioggia incessante l’avesse sommersa. Torna a dirmi se ci andrai e come ti è sembrata! 🙂

  3. Ciao Gian Luca,
    Ho visto queste stupende foto e siccome sono apassionato di Kayak e mi piacerebbe farmi un giro nelle barene della laguna volevo sapere, pensi che si possa fare o ci sono divieti?
    Un saluto!

    • Ciao Tiziano, penso che non ci siano divieti per praticare kayak nella laguna, la spiaggia della Boschettona in estate è sempre frequentata da bagnanti e amanti del mare, quindi credo si pratichino anche sport acquatici. Per essere sicuro puoi telefonare al comune di Codevigo e chiedere delucidazioni a loro, giusto per essere in una botte di ferro 🙂 Divertiti!
      Gian

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*