Colorado Plateau, meraviglia delle meraviglie

Promo:

Colorado Plateau, colori che emozionano lo sguardo
Colorado Plateau, colori che emozionano lo sguardo

Premetto che non potrò essere obiettivo e non intendo esserlo, perché in quella zona d’America denominata Colorado Plateau io ho lasciato cuore e anima. Esercita su di me un’attrazione irresistibile, di cui non faccio assolutamente mistero, e ha risvegliato emozioni e sensazioni che credevo di non possedere, io che non mi ero mai scomposto nemmeno di fronte alle vette delle Alpi o ad altre bellezze naturali.

Il Colorado Plateau è il gigantesco altipiano (circa 335.000 Kmq) creato dal fiume Colorado, che corrisponde all’incirca a quello che viene oggi definito come il grande Sud Ovest americano: Nevada, Utah, Arizona, New Mexico e la parte sud del Colorado, prima dell’inizio della catena delle Montagne Rocciose.
Un territorio vastissimo, sottoposto nel corso delle ere geologiche a sconvolgimenti radicali che lo hanno plasmato, distrutto e ricostruito più volte. Un territorio antichissimo, testimone di quasi ogni accadimento del nostro pianeta, dove un tempo i grandi dinosauri che ora fanno bella mostra di loro nei grandi musei americani dominavano incontrastati.

Colorado Plateau, on the road
Colorado Plateau, on the road

Il Colorado Plateau è terra di emozioni

Una zona semplicemente stupenda, ma le parole non bastano per rendere omaggio alla bellezza del luogo. Le rocce, in genere friabili e argillose se confrontate con la durezza delle Montagne Rocciose, sono state plasmate in 1000 modi diversi che convivono fra di loro in un’armonia di forme che non ha riscontro in nessun’altra parte del mondo.
Le imponenti Mesa, massicci montuosi a forma di parallelepipedo, dalla cima piatta e talvolta estesa per chilometri e dalle pareti quasi verticali, sono i veri dominatori della zona. Dalla vetta si gode di viste che spaziano veramente all’infinito, in ogni direzione, senza alcun ostacolo alla vista per chilometri e chilometri.

Colorado Plateau, imponenti formazioni rocciose
Colorado Plateau, imponenti formazioni rocciose

Le Buttes, sicuramente, sono le formazioni più famose. Tutti abbiamo negli occhi le celebri guglie della Monument Valley, gli esempi più celebri di Butte, che ci osservano severe dall’alto. Ancora oggi, dopo averle osservate 1000 volte in fotografia e altrettante dal vivo, non riesco a capire come si siano potute originare.
Ma ancora più arditi sono gli Hoodos, le formazioni rocciose a forma di fiamma che si innalzano dalla terra al cielo in un anelito di libertà, e gli Arches, i delicatissimi archi in lentissima ma costante evoluzione, vere e proprie creature viventi che nascono, vivono e si spengono come noi comuni mortali.

Colorado Plateau, canyon popolati da guglie incredibili
Colorado Plateau, canyon popolati da guglie incredibili

Solo la combinazione della roccia friabile e di un clima impervio, che soffoca d’estate con il suo caldo asfissiante e non perdona d’inverno portando neve e ghiacci, ha potuto creare tali meraviglie.
E dove non ha agito il clima hanno agito i fiumi, scavando quelle ferite profonde nel terreno, che sono i Canyon: come ci si sente piccoli quando si raggiunge il letto del Colorado e si alza lo sguardo verso gli oltre 1000 metri di pareti verticali scavate dal fiume con pazienza e tenacia. Per aggiungere emozione all’emozione basta pensare che in quel momento si sta camminando su alcune delle rocce più antiche della terra.

Colorado Plateau, paesaggi surreali
Colorado Plateau, paesaggi surreali

E quale degno contorno di queste forme dalla bellezza incommensurabile, i colori: le rocce cangianti dal giallo tenue al rosso violento a seconda dei capricci del Sole, le chiazze sparute di verde delle poche piante, l’azzurro intenso di un cielo che non potrò mai dimenticare.
Il Colorado Plateau offre visioni mistiche al viaggiatore: osservare i suoi panorami sconfinati che si perdono all’infinito significa osservare dentro se stessi, alla scoperta degli anfratti più reconditi della propria anima. Io ho scoperto qualcosa di me che non conoscevo. Chi è religioso non potrà non fermarsi a ringraziare il suo Dio per la magnificenza del creato, chi non lo è forse penserà per un attimo che dietro tutto questo c’è un disegno e non solo il caso.

Colorado Plateau, sensazionale natura
Colorado Plateau, sensazionale natura

Io mi reputo fortunato ad avere vissuto negli Stati Uniti, ma ancora più fortunato mi reputo ad avere attraversato buona parte di quella terra meravigliosa. Il mio sogno sarebbe quello di percorrere ogni sua strada, ogni suo sentiero, per ascoltare le storie raccontate dalle rocce, per deliziarmi con il canto melodioso del vento, per diventare anche io una parte del paesaggio.
Un giorno riuscirò a coronare il sogno.

Marco vi aspetta per raccontarvi gli Stati Uniti nel suo e-book, che potete trovare online, America on the road, una famiglia italiana sulle strade degli Stati Uniti.

Colorado Plateau, infiniti orizzonti
Colorado Plateau, infiniti orizzonti
Colorado Plateau, la singolare vegetazione
Colorado Plateau, la singolare vegetazione
Colorado Plateau, il fiume Colorado
Colorado Plateau, il fiume Colorado
Colorado Plateau, una terra plasmata pazientemente dai fiumi
Colorado Plateau, una terra plasmata pazientemente dai fiumi
Colorado Plateau, pareti quasi verticali scavate dal fiume
Colorado Plateau, pareti quasi verticali scavate dal fiume
Colorado Plateau, sculture plasmate dal tempo
Colorado Plateau, sculture plasmate dal tempo

promo:

About Marco Scandali 23 Articoli
Non sono del mestiere, non ho competenze specifiche o un background di studi attinente al turismo e frequento la rete da blogger solo dal 2011. Però, fin da piccolo, ho un talento naturale (almeno così mi dicono) per la scrittura creativa e riesco nei miei testi a trasmettere emozioni (sempre a detta degli altri). Blogger, Marco Scandali Area 51A questo è bastato sommare la passione fortissima per i viaggi e un mestiere da giramondo che mi ha portato a toccare i 5 continenti, e il gioco è stato fatto. Sono nato a Verona nel 1971, laureato in Ingegneria nel 1997, marito e padre appassionato, la mia famiglia condivide la mia vocazione e insieme abbiamo attraversato in macchina quasi tutti gli Stati Uniti, dove vivo dal 2011. Oltre 100.000 km alla scoperta di un continente sconfinato e meraviglioso, l’unico modo per coglierne le 1000 anime diverse è confrontarsi con esse trasformando il viaggio in una ricerca di se stessi. Prima ancora ho vissuto in tutta Italia, dal Nord fino alla Sicilia e sicuramente, anche quando sarò tornato, ripartirò in breve tempo. Animo da blogger Mi piace andare oltre l’impatto iniziale dei luoghi che visito, capirne l’essenza e immedesimarmi nei suoi abitanti per sentirmi cittadino del mondo, per poi infine condividere le sensazioni mediante le parole. Suoni, colori, culture e immagini si fondono in un racconto che trasporta il lettore al centro della scena. Adesso è il momento di raccontare le mie esperienze attraverso il mio sito, Viaggia e Scopri e i libri che sto scrivendo. Come dicono negli States…more to come!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*