Corezzo, l’accoglienza dei borghi toscani tra festa e asinelli

Corezzo
Corezzo

Al fascino dei borghi toscani è impossibile resistere e il mio fine settimana in Vallesanta, nel Casentino, ha contribuito a rafforzare questa mia certezza. Siamo a Corezzo, un piccolo paese vivace dove gli asinelli sono solo uno dei tanti motivi di festa.

Ho trascorso tre giorni intensi in Toscana, per l’esattezza nella provincia di Arezzo facendo base a Casa Santicchio, un luogo fuori dal mondo dal quale esplorare tutti i dintorni.

Corezzo è solo uno dei borghi che ho visitato, la maggior parte dei quali ha un aspetto sonnolento accentuato dalle antiche case di pietra e dalla poca popolazione che ancora vi risiede, ma a Corezzo ho trovato qualcosa di più, a partire dall’allegra atmosfera da festa di paese che ci ha accolti con le risate dei bimbi gioiosi.

Le feste e le sagre di paese sono sempre un buon momento per conoscere meglio la vita di questi luoghi, anche il borgo più desolato in occasione di una festa diviene punto d’incontro e baldoria per tutti gli abitanti dei paesi della valle legati dall’appartenenza allo stresso territorio.

CLICCA QUI: Cerca una sistemazione nei pressi di Corezzo

Corezzo, chiesa parrocchiale
Corezzo, chiesa parrocchiale

La festa di paese a Corezzo

La festa di paese a cui abbiamo preso parte è stata organizzata dai comuni di Corezzo e Rimbocchi, dimostrazione che a volte non è necessaria una particolare ricorrenza, ma basta trovare l’occasione per riunire la comunità a festeggiare.

Tutto è stato molto spontaneo, normalmente non amo i ricevimenti organizzati, e questa volta ho molto gradito la semplicità e autenticità con cui i cittadini ci hanno accolto e dato il benvenuto.

Un po’ protagonista di questa festa è stato il piatto tipico di Corezzo, una ricetta originaria di questo paese e conosciuta ben oltre i confini della valle: i tortelli alla lastra.

Questi grossi ravioli ripieni di patata lessa, parmigiano, uovo e cipolla vengono cotti su una piastra metallica rovente. La preparazione è molto semplice, ma sul ripieno esatto vige il segreto, altrimenti che ricetta tipica sarebbe?

In ogni caso sono deliziosi e conservano un po’ il carattere rurale che ci si aspetta dalla cucina di un piccolo paese. La cena del resto è stata abbondante e gustosa, con tanto di pappa al pomodoro a deliziare il palato con una ricetta tradizionale.

Attimi di gioia e divertimento per una serata che procede e si conclude con un concerto di fisarmoniche e danze popolari.

Corezzo, i tortelli alla lastra
Corezzo, i tortelli alla lastra

Ospiti d’onore di Corezzo: gli asinelli

Ovviamente la festa non è stata solo un ritrovo attorno al tavolo, ma durante la giornata in giro per le vie del paese abbiamo avuto la possibilità di passeggiare, riposarci e fare un po’ di fotografie.

Gli ospiti d’onore della giornata, che hanno attirato l’attenzione di decine di bambini e ragazzi, sono stati due ciuchini miti e simpatici salvati dal macello dagli ‘Amici dell’Asino‘, dei ragazzi che si impegnano nella salvaguardia di questi animali e sensibilizzano la popolazione sull’importante funzione didattica che questi equini svolgono con la popolazione.

In un’ambientazione immersa nella natura e adatta ai soggiorni in relax si organizzano campi estivi, attività per le famiglie, escursioni di trekking con gli asinelli, giochi per bambini e corsi di educazione ambientale.

Se passi in Vallesanta, nel Casentino, fai una visita a Corezzo e i suoi asinelli: luoghi, momenti e compagnia indimenticabili!



Booking.com

Corezzo e gli amici dell'asino
Corezzo e gli amici dell’asino

promo:

About Gian Luca Sgaggero 594 Articoli
Sono un narratore turistico, appassionato di viaggi fai da te, luoghi, tradizioni e culture lontane, racconto le mie esperienze sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, di autentico e di vero. Non importa dove, come o quando, l'importante è esserci e vivere fino in fondo!Contattami per collaborare con me, sono travel blogger di professione dal 2010, digital content creator, storyteller e social media strategist.

2 Comments

  1. Corezzo, un pezzo di cuore. Vi nacqui 71 anni fa (al mulino di Emilio) a soli 16 mesi i miei si trasferirono a Grosseto (in Maremma), ma non so il perché le mie radici sono rimaste lassù tra quelle montagne sperdute e più volte, appena ho potuto, sono tornato a vedere quel paesino ed entro sempre nella chiesetta dove fui battezzato. Ciao Corezzo, spero a presto.

    • Buongiorno Angiolo e grazie per questo bellissimo commento. Il sentimento che la lega a Corezzo mi ricorda molto il mio legame con la Sardegna, dove stanno le mie radici e alla quale mi sento fortemente legato nonostante sia nato e cresciuto in Piemonte. Avere dei luoghi del cuore come questi è stupendo, una casa oltre la casa, e sono lieto di aver riportato un po di bei ricordi alla sua memoria 🙂
      Gian Luca

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*