Cosa fare a Los Angeles, emozioni di una città fuori dagli schemi

Los Angeles
Los Angeles

Sono stato 3 volte a Los Angeles, in 3 momenti diversi della mia vita, eppure ancora oggi non riesco a inquadrarla, a definirla, a darne una descrizione efficace. Cercherò comunque di darti un’idea di cosa fare a Los Angeles, in base alla mia esperienza.

Probabilmente il mio sgomento è dovuto al fatto che la “Greater Los Angeles” è ormai una megalopoli che accosta località per tanti versi opposte fra loro unite senza soluzione di continuità alcuna. Un vero e proprio caleidoscopio di architetture, culture, sapori, panorami concentrato nel vastissimo territorio. Passare in pochissimi minuti da una ridente località balneare a una zona irta di grattacieli scintillanti, da un sobborgo degradato alle vie più scintillanti, è una cosa comune a Los Angeles.

New York, di contro, non mi ha mai causato lo stesso smarrimento: nonostante le barriere fisiche che esistono fra le varie zone della città si ha sempre chiaramente l’impressione di essere nella Grande Mela, sia che ci si trovi a Times Square che al centro di Brooklyn, giusto per fare un esempio.

CLICCA QUI: Cerca un hotel a Los Angeles

Los Angeles, congestione stradale in autostrada
Los Angeles, congestione stradale in autostrada

Cosa fare a Los Angeles

La città è solcata da svariate autostrade a 6 corsie, rese celebri dalla serie TV “CHiPs” che i lettori della mia generazione ricordano sicuramente con affetto. Per attraversarla tutta è necessario un tempo considerevole anche nel rarissimo caso che non si incontrino i quotidiani rallentamenti o blocchi che la rendono un incubo per gli automobilisti.

Le rinomate comunità marine quali Venice e Santa Monica sono splendide in ogni momento dell’anno, con i loro arenili immensi e la pittoresca umanità che le frequenta. Solo qua poteva esistere Muscle Beach, vero e proprio paradiso dell’esibizionismo e degli steroidi! Malibù, invece, è più esclusiva e offre ben pochi accessi al mare a meno di non essere proprietario di una delle tante ville con accesso diretto sulla battigia.

Los Angeles, spiagge magnifiche sull'oceano
Los Angeles, spiagge magnifiche sull’oceano

Le mie zone preferite sono Bel Air e la vicina Beverly Hills, gli splendidi e opulenti quartieri dove si respira ricchezza mentre si passeggia davanti alle vetrine del lusso di Rodeo Drive o si rimane estasiati di fronte al parco auto esposto al locale concessionario Ferrari, o ancora si ammira il Beverly Wilshire Hotel con la suite da 465 metri quadrati utilizzata per le riprese del film “Pretty Woman”.

Già, il cinema è uno degli aspetti che più caratterizzano questa città e Hollywood è sicuramente la parte più nota di Los Angeles. Il suo epicentro è forse il TCL Chinese Theater, di fronte al quale le star del cinema imprimono le loro impronte nel cemento e dal quale parte la Walk of Fame, l’interminabile fila di stelle che celebrano i più famosi personaggi.

Los Angeles, l'insegna di Hollywood
Los Angeles, l’insegna di Hollywood

Ma una visita la meritano anche gli Studios, alla scoperta di manufatti e trucchi celebri, mentre ho sempre trovato tristi le visite organizzate alle ville delle stelle, celebri per le loro dimensioni paragonabili a Versailles.

Merita una vista anche il Sunset Boulevard, capolinea dei sogni infranti di tante ragazze americane venute a Hollywood a cercare fortuna nel cinema e costrette a prostituirsi. Un luogo che conserva un’aura tutto sommato romantica e decadente.

Anche i più piccoli troveranno qualcosa di adatto a loro. Ad Anaheim si trova infatti Disneyland, il primo parco fondato dalla Disney, recentemente affiancato dal California Adventure Park che offre la ricostruzione a grandezza naturale di Radiator Spring, il piccolo paese che fa da sfondo alle avventure di Cars – motori ruggenti.

Ma Los Angeles è molto, molto di più. Una megalopoli camaleontica che va vissuta più che visitata, magari alla guida di una cabrio, nella difficile ricerca della sua anima più intima.

E tu cosa pensi di questa città? Se vuoi dire la tua e consigliare cosa fare a Los Angeles puoi farlo lasciando un commento al fondo di questa pagina.

Testi e fotografie di questo post sono stati realizzati per Viaggia e Scopri da Marco Scandali.



Booking.com

Radiator Spring al California Adventure Park
Radiator Spring al California Adventure Park di Los Angeles

Promo

Informazioni su Marco Scandali 23 Articoli
Non sono del mestiere, non ho competenze specifiche o un background di studi attinente al turismo e frequento la rete da blogger solo dal 2011. Però, fin da piccolo, ho un talento naturale (almeno così mi dicono) per la scrittura creativa e riesco nei miei testi a trasmettere emozioni (sempre a detta degli altri). Blogger, Marco Scandali Area 51A questo è bastato sommare la passione fortissima per i viaggi e un mestiere da giramondo che mi ha portato a toccare i 5 continenti, e il gioco è stato fatto. Sono nato a Verona nel 1971, laureato in Ingegneria nel 1997, marito e padre appassionato, la mia famiglia condivide la mia vocazione e insieme abbiamo attraversato in macchina quasi tutti gli Stati Uniti, dove vivo dal 2011. Oltre 100.000 km alla scoperta di un continente sconfinato e meraviglioso, l’unico modo per coglierne le 1000 anime diverse è confrontarsi con esse trasformando il viaggio in una ricerca di se stessi. Prima ancora ho vissuto in tutta Italia, dal Nord fino alla Sicilia e sicuramente, anche quando sarò tornato, ripartirò in breve tempo. Animo da blogger Mi piace andare oltre l’impatto iniziale dei luoghi che visito, capirne l’essenza e immedesimarmi nei suoi abitanti per sentirmi cittadino del mondo, per poi infine condividere le sensazioni mediante le parole. Suoni, colori, culture e immagini si fondono in un racconto che trasporta il lettore al centro della scena. Adesso è il momento di raccontare le mie esperienze attraverso il mio sito, Viaggia e Scopri e i libri che sto scrivendo. Come dicono negli States…more to come!

2 Commenti

  1. Controversa Los Angeles, chi mi dice essere orribile, e chi invece la descrive per ciò che è come hai fatto tu: una metropoli che ha tanto da offrire e in quanto tale può stupire in positivo oppure no. Nel mio viaggio in programma ho deciso di fermarmi qui almeno 3 giorni, cresciuta con la serie tv “Beverly Hills 90210” non posso ignorare le spiagge di Venice e Malibu, Hollywood e la Walk of Fame! Grazie per i tuoi preziosi consigli 😉 Monica – I Viaggi di Monique

    • Grazie Monica per il tuo commento, come vedo anche tu hai apprezzato lo stile di Marco nel descrivere gli States, proprio questo ci piace di lui, il suo riuscire ad andare oltre gli stereotipi e i soliti noti rivelandoci un volto degli Stati Uniti vero e autentico, seppur magari meno accattivante! 🙂

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*