Cosa vedere a Mantova in inverno in un weekend

Approfittando del fine settimana dell’Immacolata siamo partiti alla scoperta di una delle città lombarde che più amo. Mantova per me è davvero profondamente stupenda: scopri con noi cosa vedere a Mantova.

Questa città è l’ideale per una fuga di un weekend ed è facilmente raggiungibile, sia in auto che con i mezzi pubblici, per via dei suoi collegamenti stradali. Noi partiamo da Biella e ci attende un viaggio di circa 3 ore d’auto.

Piazza delle Erbe, cosa vedere a Mantova
Piazza delle Erbe, cosa vedere a Mantova

In viaggio verso Mantova

Partiamo alle otto di sera, speranzosi di riuscire a raggiungere Mantova almeno verso le ore 23.00 del venerdì. Tuttavia, puntuale come da previsioni, proprio alla mattina ha iniziato a nevicare. Sebbene nel Biellese, dopo i primi fiocchi, la neve sembri aver dato tregua, dopo Milano ci accorgiamo che i campi e i tetti delle case sono ricoperti da alcuni centimetri di un candido manto gelato.

Le strade sono pulite, ma si viaggia comunque piano e questo comporta alcuni ritardi. Ma, del resto, nessuno ci corre dietro e prendendola con calma riusciamo ad arrivare a Mantova verso mezzanotte.

Il personale dell’Hotel Rigoletto, avvisato anticipatamente, ci attende e ci accoglie guidandoci alla nostra camera. A parte il caldo un po’ eccessivo del riscaldamento centralizzato, l’Hotel Rigoletto si rivelerà pratico, molto pulito e vicino abbastanza per raggiungere il centro con una passeggiata di cinque minuti. Purtroppo questo hotel ha chiuso i battenti, ma il centro cittadino offre comunque numerose opzioni di soggiorno.

Cosa vedere a Mantova
Cosa vedere a Mantova

Il risveglio a Mantova

La mattina seguente ci attende un’abbondante colazione e, di buonora, usciamo per le vie alla scoperta della città.

Dalla stazione imbocchiamo Corso Umberto, che è una delle vie principali. È fiancheggiata da graziosi porticati addobbati a festa e affollati di gente che curiosa tra le vetrine in cerca dei regali natalizi.

Proseguendo verso il centro raggiungiamo la straordinaria Piazza delle Erbe, quasi divisa in due aree separate. Questo luogo mi affascina veramente e, fin da subito, continuo a fermarmi ad osservare estasiato.

Due passi a Piazze delle Erbe

Imponente di fronte a noi, uscendo da Corso Umberto, si trova la Basilica di Sant’Andrea. Svetta verso il cielo bianco di nubi e luccicante per gli addobbi di Natale. I restanti lati della piazza sono un susseguirsi di negozi, luci e addobbi.

Proprio nel mezzo tra i due ‘lobi’ della piazza si trova la storica Casa del Mercante. L’edificio è bellissimo e decorato in stile gotico con l’utilizzo di terracotta. Sopra di esso si trova una costruzione precedente, è la Torre del Salaro, che negli anni ha risentito di alcune forti scosse di terremoto.

A dominare Piazza delle Erbe è sicuramente il Palazzo della Ragione, con i suoi merli e la sua alta Torre dell’Orologio. Essa è un capolavoro di Bartolomeo Manfredi, esperto astrologo e costruttore di orologi. Ovviamente non ha confronto con l’orologio astronomico di Praga, ma lo avrei osservato per ore, e ogni volta che ripassiamo per Piazza delle Erbe, come un bambino, mi soffermo a guardarlo in contemplazione.

Proprio sotto la Torre si trova la Rotonda di San Lorenzo, in stile romanico ed edificata a somiglianza del Santo Sepolcro. È possibile visitarne l’interno e, se si vuole, lasciare un’offerta per il mantenimento dell’edificio.

Per scoprire il centro della città in modo esaustivo è possibile prenotare una visita guidata del centro di Mantova. L’esperienza è consigliata perché permette di conoscere a fondo la storia e i luoghi salienti del centro storico.

Palazzo Ducale, cosa vedere a Mantova
Palazzo Ducale, cosa vedere a Mantova

Cosa vedere a Mantova

Proseguendo lungo Via Broletto si passa sotto l’imponente edificio comunale, posto a chiudere la piazza sul lato nord. Purtroppo questo edificio, al momento della nostra visita, è chiuso a causa del terremoto.

Successivamente raggiungiamo Piazza Broletto, più modesta, abbellita da alcuni negozi e delimitata verso nord da un grande arco. Attraverso di esso si accede a Piazza Sordello, centro del potere politico ed amministrativo.

Piazza Sordello è piuttosto vasta e su di essa sorge il Palazzo Ducale. Davanti all’ingresso del palazzo si trova il Duomo di Mantova, mentre, passando da Parco Lega Lombarda, interno al palazzo, si può visitare una serie di piazzette circondate da particolari e antichi edifici.

Rigoletto
Rigoletto, cosa vedere a Mantova

Qui vicino si trova la Casa di Rigoletto, dedicata al celebre giullare delle opere teatrali, che oggi funge da ufficio turistico.

Presso l’ufficio è possibile acquistare la Mantova Card che, per 15€ cad, da il diritto ad accedere a 5 attrazioni cittadine tra: Palazzo Ducale, Palazzo Te, Museo della Città di Palazzo San Sebastiano, Museo Diocesano Francesco Gonzaga, Museo di Palazzo d’Arco, Palazzo della Ragione e Teatro Scientifico Bibiena. La Mantova Card ha validità 365 giorni dal momento dell’attivazione e consente un solo ingresso a ognuno dei musei. Esiste inoltre la Mantova Card 8, 17€, che permette di accedere a 8 musei.

Visita a Palazzo Ducale e a Palazzo Te

Noi visitiamo il Palazzo Ducale, un vero spettacolo di affreschi e decori sontuosi. Anche qui il sisma ha lasciato alcuni segni e, mentre alcune sale sono impalcate per precauzione, altre sono precluse all’accesso. Una tra esse è la celebre Camera degli Sposi, dichiarata pericolante.

Se stai organizzando il tuo weekend a Mantova puoi acquistare il biglietto d’ingresso al Palazzo Ducale direttamento online, così non dovrai fare code e risparmierai tempo.

Lasciando Piazza Sordello verso nord ci si dirige verso i laghi, molto suggestivi ma sicuramente più belli in primavera ed estate, quando si riempiono della fioritura dei fiori di loto.

Nel pomeriggio ci spingiamo fino a Palazzo Te, situato dal lato opposto del centro cittadino rispetto al Palazzo Ducale. Immersa tra parchi e giardini, questa vasta tenuta, un tempo studiata come luogo di piaceri per il principe, fu costruita tra il 1525 ed il 1535. Le stanze, i cortili e gli ambienti ancora oggi sono pregni di meraviglia e ci trasportano nei tempi passati.

Sia all’interno con gli spiritosi affreschi, che all’esterno con giochi di colonne, fossati e giardini, Palazzo Te, nonostante la neve, riesce ad affascinarci.

Prenota online il biglietto salta la fila per visitare Palazzo Te, così sarai sicuro di poter entrare quando sarai a Mantova.

Palazzo Te, cosa vedere a Mantova
Palazzo Te, cosa vedere a Mantova

Gusta la cucina mantovana e rendi speciale il tuo viaggio a Mantova

Ritempriamo i muscoli infreddoliti con una buona cioccolata calda e tanti pasticcini golosi. Poi ci lasciamo trasportare dalla folla in mezzo alle bancarelle, curiosando le vetrine ed acquistando qualche souvenir.

Lasciamo scorrere il tempo facendoci trasportare dalla città. Poi ci concediamo un breve aperitivo prima di una cena tutta a base di prodotti locali: tortelli di zucca, stracotto di manzo e la famosissima Torta Sbrisolona.

Un modo originale per conoscere meglio la città è quella di immergersi nelle sue tradizioni a tavola. Dai uno sguardo a questa esperienza culinaria a casa di un local a Mantova, puoi prenotarla online e rendere il tuo viaggio ancora più speciale.

È stata una giornata piena e, sfruttando il sabato, abbiamo gustato la vita cittadina e l’atmosfera natalizia senza. Abbiamo ancora un giorno da trascorrere in città e ci proponiamo di assaporare Mantova ancora più a fondo. Intanto ci addormentiamo ripensando alle cicatrici che il terremoto, seppur non devastante, ha lasciato indelebili tra le vie della città.



Booking.com

Un mattone per San Lorenzo

Nel cuore della città, in quel luogo stupendo che è Piazza delle Erbe, sorge al Rotonda di San Lorenzo. Si trova di fianco al Palazzo della Ragione con la sua torre dell’orologio, ed è una struttura architettonica tra le più insigni di questa provincia lombarda.

Questo edificio, tra i più antichi della città, fu eretto probabilmente alla fine del secolo XI a ricordo della Risurrezione di Gerusalemme (Anástasis), ovvero la rotonda costruita intorno al Santo Sepolcro.

Divenuto proprietà ad uso privato dopo alcuni secoli, venne poi espropriato nel 1908 e riaperto al culto nel 1926. Al suo interno si trovano pochi esempi ancora visibili di affreschi in pittura romanico lombarda risalenti ai secoli XI e XII.

Ad oggi la manutenzione e conservazione di questo bene artistico culturale è a cura della Fraternita Domenicana che lo custodisce dal 1925.

Visti gli ingenti costi di manutenzione, in occasione della visita sono molto gradite le offerte. Ma per coloro che preferissero effettuare una donazione per qualcosa di concreto, è possibile acquistare un mattone per il restauro della facciata esterna dell’edificio sacro.

Durante la nostra visita di Mantova e visitando la Rotonda di San Lorenzo, abbiamo deciso di donare un mattone e contribuire, anche se in minima parte, ai lavori di recupero.

Ricorda che con soli 5€ puoi acquistare un mattone.

E tu conosci cosa vedere a Mantova oltre a ciò che ho elencato? Se vuoi puoi scrivere i tuoi consigli lasciando un commento al fondo di questa pagina.

Rotonda di San Lorenzo, cosa vedere a Mantova
Rotonda di San Lorenzo, cosa vedere a Mantova

Disponibile su Amazon.it

2 Commenti

  1. Fa un certo effetto leggere Mantova descritta da un viaggiatore. E’ una città molto bella architettonicamente ma a mio parere deve lavorare ancora parecchio per essere più appetibile ai turisti. Vi consiglio di ritornare la prossima estate quando sarà finita la ciclabile che dalla città raggiunge Grazie di Curtatone famosa per il suo santuario e per le gite che si possono fare sul lago superiore con i Barcaioli del Mincio per poter immortalare il profilo della città con i fior di loto fioriti!

  2. Grazie per questi consigli, sono lieto di averti fatto vedere la tua città (se non ho capito male) con gli occhi esterni del viaggiatore. 🙂
    Ci siamo ripromessi di tornare, vorrei davvero navigare sui laghi e vedere il loto in fiore, ma ignoravo di questa pista ciclabile! Grazie quindi, abbiamo un motivo in più per tornare! 🙂

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*