L’esercito di terracotta di Xi’an, in Cina

Esercito di Terracotta
Esercito di Terracotta
L’esercito di terracotta, tra le molte attrazioni che la Cina ci riserva, alcune sono note in tutto il mondo per la propria imponenza e per il mistero che le avvolge, questa è una di esse, un’opera senza eguali che si trova alle periferie della città di Xi’an.

L’esercito di terracotta è un’opera archeologica scoperta per caso nelle campagne in periferia di Xi’an da un contadino che decise di scavare un pozzo nei propri campi. Durante i lavori di scavo si accorse che il sottosuolo cedevole conduceva a una cavità che tuttavia non aveva l’aspetto di una grotta, al suo interno infatti attendevano immobili dei guerrieri di terracotta, armati e disposti in formazione.
Le statue, un totale che si calcola possa variare tra i 6000 e gli 8000 guerrieri, fanno parte di una delle più grandi opere funerarie del pianeta, esse, suddivise in avanguardia, esercito e retroguardia, compongono l’esercito posto a difesa della tomba del primo imperatore cinese Qin Shi Huang vissuto tra il 260 a.C. e il 210 a.C.
Quest’opera mastodontica fu realizzata dal lavoro di circa 700000 schiavi la cui abilità plasmò le statue a grandezza reale differenziandone i tratti somatici e gli armamenti in modo tale che è impossibile, fino a prova contraria, trovarne due uguali.
Esercito di Terracotta, il padiglione maggiore
Esercito di Terracotta, il padiglione maggiore

Esercito di Terracotta

Per visitare l’esercito di terracotta è necessario acquistare un biglietto il cui costo non è eccessivo, alle biglietterie è necessario lasciare borse e zaini, una precauzione logica per tutelarsi da eventuali vandali che possano danneggiare le statue.
I padiglioni di visita sono principalmente tre, più l’area museale in cui sono esposti alcuni guerrieri e i reperti più significativi rinvenuti in loco durante gli scavi, armi, utensili e oggetti personali usati come accessori per rendere le statue ancora più realistiche.
In una teca molto grande si trova una particolare riproduzione di un carretto carico di provviste, uno dei mezzi che marciavano con l’esercito assieme alla retroguardia, elemento ulteriore che lascia intendere quanto reale sarebbe l’intero schieramento se fosse già stato riportato alla luce, i due conducenti del carretto presentano lineamenti e abbigliamento estremamente accurati, i cavalli inoltre sfoggiano bardature di tutto punto facendo comprendere che non solo le sculture umane furono realizzate con artistica maestria.
Oggi solo poco più di 500 guerrieri sono stati portati alla luce, gli scavi sono infatti ancora aperti anche se si trovano in una situazione di pausa.
Una curiosità importante che riguarda le statue è che nel momento in cui vengono ritrovate le loro armature, la pelle e i vestiti sono colorati e decorati finemente, ma purtroppo i pigmenti sono fotosensibili e i colori sbiadiscono fino a quasi svanire a contatto con l’ossigeno e la luce.
Sono in fase di ricerca dei prodotti che possano essere applicati sulla terracotta per mantenerne inalterate le proprietà al fine di preservare l’esercito nel modo migliore possibile, tuttavia ad oggi nulla pare essere abbastanza efficace e per questo motivo si attende a proseguire le ricerche.
Non si può non essere affascinati di fronte allo schieramento immobile che ha richiesto 10 anni di lavoro per la sua realizzazione, alle sue spalle si trova il mausoleo dove riposa la salma di Qin Shi Huang Di in una sala non ancora riportata alla luce che si trova a notevole profondità al di sotto di ben tre falde acquifere ed è rivestita da pareti di bronzo e fiumi di cinabro, solfuro di mercurio che secondo il Taoismo sarebbe un attivatore energetico per l’immortalità.
L’esercito di terracotta, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO nel 1987, merita di per se un viaggio fino a Xi’an, grande città situata in centro Cina nella quale si possono trovare anche altre importanti mete di visita.
Esercito di Terracotta, schieramento di guerrieri
Esercito di Terracotta, schieramento di guerrieri
About Gian Luca Sgaggero 544 Articoli

Aka Sphimm, travel blogger, web content writer e social media strategist, appassionato di viaggi fai da te, luoghi, tradizioni e culture lontane, sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, di autentico e di vero in questo mondo che sempre più spesso somiglia ad un teatrino a misura di turista.
Non importa dove, come o quando, l’importante è esserci e vivere fino in fondo!
Mansione: fotografo e redattore blog, organizzatore e promotore viaggi estero.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*