Everglades National Park, alla scoperta della natura in Florida, USA

promo:

 Ponte dell'Immacolata a Courmayeur

Everglades National Park
Everglades National Park

Lontano dagli stereotipi americani, Marco ci racconta le sue avventure negli Stati Uniti e, alla ricerca della parte più autentica di questo continente, ci racconta la sua visita all’Everglades National Park in Florida.

L’America mostra la sua parte migliore attraverso i suoi splendidi parchi naturali.

Dimenticate le città patinate, i grattacieli, le autostrade a 6 corsie e gli eccessi che vi si perpetrano, stereotipi ripetuti ovunque e che nemmeno rispecchiano la natura prevalentemente rurale di questo paese.

Visitare un parco naturale è un’esperienza appagante, unica, che cambia la vita per sempre.

Dall’Alaska alla Florida, inclusi i territori, basta fare la propria scelta sul sito del National ParkService e partire armati di voglia di solitudine, di silenzio, di atmosfere che credevamo per sempre dimenticate.

Il Parco Nazionale delle Everglades, nel sud della Florida, e i contigui Big Cypress National Preserve e Biscayne National Park, non sfuggono a questa magnifica realtà.

Everglades National Park, uccelli
Everglades National Park, uccelli

Everglades National Park

Raggiungerlo è molto semplice: da Miami l’ingresso sud si raggiunge percorrendo un’oretta di macchina verso Homestead, altrimenti si può costeggiarlo verso ovest percorrendo la US 41 fino alla cittadina di Everglades.

Si tratta del più vasto ambiente subtropicale presente nell’America continentale (la superficie è superiore a quella del Molise), ed è annoverato fra i siti dell’UNESCO. Non credo servano altre parole di presentazione per questo paradiso naturalistico.

Come tutti i parchi americani merita il suo rispetto: non si tratta di esperienze da vivere alla leggera perché le dimensioni, i lunghi tratti da percorrere isolati (sia in macchina sia a piedi) e le insidie naturali (animali selvatici in primis, che ancora abbondano, ma anche le condizioni climatiche estreme e mutevoli) sconsigliano vivamente di non attenersi alle indicazioni impartite dagli immancabili ranger.

A questo le Everglades aggiungono un qualcosa di proprio, di unico: il fatto di essere sul mare, di presentare enormi zone paludose e altre di mangrovie, ne rende l’attraversamento un’impresa veramente ostica, e garantisce al contempo la totale inaccessibilità della stragrande maggioranza del parco.

Si possono percorrere alcune zone in auto e poi inoltrarsi a piedi nei sentieri, si può noleggiare una barca a motore, si può percorrere in canoa una via d’acqua di circa 160 km montando la tenda sulle piattaforme di galleggianti ubicate lungo il percorso, ma non si riuscirà mai a penetrare fino in fondo nei segreti millenari di questo angolo d’America.

Questo non significa che il Parco non regali comunque a tutti, a partire da chi come me lo ha visitato senza allontanarsi dalle vie principali, emozioni irripetibili, scatti fotografici da mostrare agli amici con orgoglio e ricordi indelebili.

Everglades National Park, foresta di mangrovie
Everglades National Park, foresta di mangrovie

La mia personale preferenza va alle foreste di mangrovie, che ho (marginalmente) “assaporato” grazie a un tour guidato in barca, della durata di circa 2 ore, che inizia e finisce nella cittadina di Everglades.

Il tour inizia in acque aperte, dove si fa sfoggio di gran velocità, e culmina nell’attraversamento di un tratto di canale letteralmente infestato di mangrovie, dove abbassare la testa è un’operazione costante e dove regna il silenzio più assoluto, rotto solo dai canti degli uccelli.

Le acque sono quasi ferme, l’aria è infestata dai gas mefitici che si sprigionano dalle piante in decomposizione: uno scenario da inferno dantesco, con i raggi del sole che penetrano solo marginalmente il fitto strato di foglie sopra di voi e il colore dominante è il marrone. Ma la vita trionfa comunque.

Abitanti dell’Everglades National Park

La sensazione di essere osservati è fortissima, magari dall’abitante principale del parco: il coccodrillo americano.
Questi rettili non hanno (ovviamente) paura di attraversarvi la strada né di lasciarsi ammirare mentre prendono il sole, a volte infastiditi a volte incuriositi della vostra presenza.Sono dovunque, praticamente, sia lungo le strade sia in acqua, si sono avvicinati più volte anche alla nostra barca, e vanno trattati con il dovuto rispetto, mantenendo almeno 5 metri di distanza, perché, come ripetono a non finire i Ranger, sono sorprendentemente veloci anche su terra e usano la coda come arma aggiuntiva.

Everglades National Park, coccodrillo americano
Everglades National Park, coccodrillo americano

In acqua non sono aggraziati, ma colpiscono per l’agilità e per la silenziosità con cui si avvicinano furtivi. Chi vuole può anche gustarli, cucinati in vario modo nei ristoranti del luogo che proseguono una tradizione risalente alle tribù indiane di queste zone (Seminole fra tutti).

Non si tratta ovviamente dell’unico predatore presente ma il loro principale antagonista nella catena alimentare, la Pantera della Florida, è assai più elusiva e ben pochi, credo, possono vantarsi di averla vista. Unica traccia rinvenuta è un cartello stradale che invita a rallentare in prossimità della zona dove abitualmente risiedono.

Posso ritenermi fortunato ad avere avuto a disposizione per lungo tempo uno splendido esemplare di “snapping turtle”, una tartaruga carnivora molto aggressiva (non a caso il nome scientifico è “Apalone Ferox”) che se ne stava placidamente sdraiata lungo il bordo della strada.

Un incauto turista tedesco, dopo le foto di rito, ha ben pensato di avvicinarla con una mano e ha immediatamente imparato il significato della parola “snapping” (schioccare, dal rumore che fanno le sue mascelle potentissime quando si chiudono di scatto)!

Everglades National Park, snapping turtle
Everglades National Park, snapping turtle

Ma le Everglades sono anche un paradiso per gli uccelli, che con i loro canti interrompono il silenzio irreale di questi luoghi.

Avvoltoi, Falchi pescatori, cicogne, fenicotteri, pellicani, giusto per citare quelli che conosco, si mostrano senza paura e conducono la loro vita incuranti della presenza umana.

Ho visto un falco pescatore avventarsi sulla preda e mancarla e di lì a poco, approfittando della confusione, un corvo avventarsi su un passerotto e straziarlo. Triste, ma vero.

L’ambiente subtropicale, le acque ferme, l’umidità e il caldo favoriscono il proliferare di insetti di tutti i tipi.

Mi sono tenuto alla larga da uno strano tipo di vespa rossa per niente amichevole, ho ammirato centinaia di libellule multicolori, ma non ho potuto fare niente contro gli sciami di subdole zanzare, in quantità apocalittiche il giorno che sono andato.

Le scorte di repellente devono sempre essere pronte all’uso.

Chi vuole può allontanarsi un po’ dalla costa, avventurarsi in barca nell’ampio tratto di mare appartenente al parco alla ricerca dei delfini, ma chi veramente potrà dirsi fortunato sarà colui che potrà ammirare, anche solo per un attimo, un lamantino (“manatee” in lingua locale), mammifero marino dall’aspetto dolcissimo, purtroppo a rischio di estinzione.

Al termine della visita, magari dopo essersi rifocillati a uno dei tanti chioschi che vendono frutta fresca vicino all’ingresso sud o avere comprato qualche manufatto indiano, sono sicuro che ripenserete al tempo trascorso nel parco.

Io l’ho fatto, lungamente, anche nei giorni successivi, e ho avuto il cuore pieno di gioia per giorni, per essermi riconciliato con la Natura che mi si è mostrata, dura e crudele, ma sempre materna.

E se avrete fortuna potrete trovare aperto l’ufficio postale più piccolo d’America, e spedire subito da li una cartolina.

Foto e testi di Marco Scandali, ‘Un italiano negli USA

Everglades National Park, rapace
Everglades National Park, rapace

promo:

 Ponte dell'Immacolata a Courmayeur

About Marco Scandali 23 Articoli
Non sono del mestiere, non ho competenze specifiche o un background di studi attinente al turismo e frequento la rete da blogger solo dal 2011. Però, fin da piccolo, ho un talento naturale (almeno così mi dicono) per la scrittura creativa e riesco nei miei testi a trasmettere emozioni (sempre a detta degli altri). Blogger, Marco Scandali Area 51A questo è bastato sommare la passione fortissima per i viaggi e un mestiere da giramondo che mi ha portato a toccare i 5 continenti, e il gioco è stato fatto. Sono nato a Verona nel 1971, laureato in Ingegneria nel 1997, marito e padre appassionato, la mia famiglia condivide la mia vocazione e insieme abbiamo attraversato in macchina quasi tutti gli Stati Uniti, dove vivo dal 2011. Oltre 100.000 km alla scoperta di un continente sconfinato e meraviglioso, l’unico modo per coglierne le 1000 anime diverse è confrontarsi con esse trasformando il viaggio in una ricerca di se stessi. Prima ancora ho vissuto in tutta Italia, dal Nord fino alla Sicilia e sicuramente, anche quando sarò tornato, ripartirò in breve tempo. Animo da blogger Mi piace andare oltre l’impatto iniziale dei luoghi che visito, capirne l’essenza e immedesimarmi nei suoi abitanti per sentirmi cittadino del mondo, per poi infine condividere le sensazioni mediante le parole. Suoni, colori, culture e immagini si fondono in un racconto che trasporta il lettore al centro della scena. Adesso è il momento di raccontare le mie esperienze attraverso il mio sito, Viaggia e Scopri e i libri che sto scrivendo. Come dicono negli States…more to come!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*