Focus on Biella, provincia piemontese tutta da scoprire

promo:

 Ponte dell'Immacolata a Courmayeur

Il Torrente Cervo scorre a Biella
Il Torrente Cervo scorre a Biella
Talmente abituati alla routine quotidiana, quasi sicuramente, dopo lunghi mesi di lavoro o di studio, il nostro unico desiderio e di poter partire. Ci siamo sudati le meritate vacanze e tutto ciò che vogliamo è staccare la spina, allontanarci da casa e cercare un luogo tranquillo, oppure di divertimento, solitario, oppure magnifico per le proprie qualità paesaggistiche, artistiche o culturali. Un posto insomma che non ci faccia pensare a casa e ci permetta di rilassare corpo e mente alla ricerca degli innumerevoli tesori celati su questo nostro pianeta.
Ma perché Biella non ci ispira nessuna sensazione di evasione, di scoperta, di bellezza o trasgressione?
La risposta è molto semplice, Biella è casa nostra!
Fontana dell'orso ai Giardini Zumaglini di Biella
Fontana dell’orso ai Giardini Zumaglini di Biella

Conosciamo Biella

Conosciamo, o almeno crediamo di conoscere, la nostra città. Ci siamo cresciuti o comunque ci viviamo da qualche anno ormai, ne conosciamo i ritmi, i bus giroscuole al mattino, i taxi in attesa ai giardini, le ‘vasche’ in Via Italia e le serate con poca gente in giro. E tutto questo ci sembra monotono e privo d’interesse.
Mi ritengo fortunato ad aver avuto la possibilità di viaggiare un po’ in vari paesi del mondo, non tutti vorrebbero o sognano come me una vita ‘nomade’ e molti purtroppo non ne hanno comunque la possibilità.
Ma è proprio in questi viaggi che, spesso, mi sono trovato in località relativamente interessanti, ma comunque degne di qualche scatto, di una visita e magari di viverci alcuni giorni; località che in alcuni casi mi son trovato ad osservare pensando: ‘Ma… Biella è dieci volte meglio di questo posto!’
E allora? Dove sta il problema? Cosa manca a Biella che le altre località hanno?
La verità è che a Biella non manca assolutamente nulla! Semplicemente le altre località cercano di sfruttare ogni minimo elemento d’interesse, di trarne il meglio e valorizzarlo in modo che i turisti ne siano incuriositi e, magari pochi, passino per di la a vederlo.
Ebbene in quest’ultimo anno ho iniziato a guardare Biella con gli occhi del turista. Ho anche avuto modo di accompagnare una comitiva svedese a visitare la nostra città. Ed ho notato lo stupore e l’interesse nei loro sguardi osservando il centro, il borgo del Piazzo, il panorama sul Torrente Cervo e lodando i ristoranti e pizzerie per l’ottimo cibo che abbiamo la fortuna di avere grazie alle tradizioni italiane.
Funicolare di Biella
Funicolare di Biella

Biella è una cittadina tranquilla e sicura, nasconde angoli molto suggestivi che spesso non notiamo perché li vediamo davanti a noi tutti i giorni, può vantare significative testimonianze archeologiche, artistiche ed architettoniche e tutto ciò che dobbiamo fare è cercare di valorizzarle un po’ di più. Allora capiremo l’ormai noto spot, da alcuni deriso, che recita: ‘Biella è Bella!

La sezione ‘Biellese‘ del nostro blog è volta a riscoprire le sopite qualità della nostra città e dei comuni che attualmente si trovano nella sua provincia, sperando di trovare, come spesso succede, degli inaspettati tesori di casa nostra di cui quasi tutti ignoravamo l’esistenza.
La provincia è racchiusa a nord dalla catena montuosa delle Alpi Biellesi, sezione delle Alpi Pennine, (che, dominate dal Monte Bo, 2.500 m, si affacciano sul vicino Monte Rosa e sulla piana di Vercelli) a ovest dalla catena collinare di origine morenica denominata la Serra di Ivrea e a est e a sud da pianure coltivate prevalentemente a riso e granturco.
La vicinanza alla catena alpina garantisce notevoli risorse idriche per la presenza di numerose fonti sorgive sui massicci del Monte Bo, del Monte Mucrone, ove si trova l’omonimo lago, ed il Monte Camino, cuore di questa sezione, che alimentano i torrenti Elvo a ovest della città, Oropa e Cervo a est. Altri corsi d’acqua provinciali sono lo Strona di Mosso ed il Sessera.
L’altitudine massima del territorio provinciale è il Monte Mars (2600 m); l’altitudine minima, invece, è rappresentata dal comune di Gifflenga (187 m s.l.m.).
Il territorio biellese condivide con le provincie di Torino e di Vercelli il lago di Viverone.
Una parte del territorio provinciale è tutelata da tre aree protette regionali:
Gli svincoli autostradali più vicini al capoluogo sono: sulla Autostrada A26 quello di Romagnano Sesia, quelli di Santhià e Albiano d’Ivrea sull’autostrada A5 e quelli di Santhià, Carisio e Balocco sull’Autostrada A4.
Fonte riferimenti geografici: Wikipedia.
Piazza Fiume a Biella
Piazza Fiume a Biella

promo:

 Ponte dell'Immacolata a Courmayeur

About Gian Luca Sgaggero 568 Articoli
Sono un narratore turistico, appassionato di viaggi fai da te, luoghi, tradizioni e culture lontane, racconto le mie esperienze sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, di autentico e di vero. Non importa dove, come o quando, l'importante è esserci e vivere fino in fondo! Contattami per collaborare con me, sono travel blogger di professione dal 2010, digital content creator, storyteller e social media strategist.

1 Comment

  1. hai perfettamente ragione Gian : a volte si viaggia lontani alla scoperta di chissà cosa per poi scoprire che abbiamo sotto gli occhi di tutti i giorni angoli davvero caratteristici e belli ma che ,abituati a vedere quotidianamente,purtroppo finiamo col non darci il giusto peso,ad apprezzarne la loro bellezza.
    è bella questa tua voglia di far scoprire e apprezzare la cittadina in cui vivi.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*