Maafushi, le mie Maldive mordi e fuggi… e low cost

Sabbia bianca e mare cristallino ad Adaraan, escursione da Maafushi, Maldive
Sabbia bianca e mare cristallino ad Adaraan, escursione da Maafushi, Maldive

La mia voglia di viaggiare mi porta spesso a dover fare coincidere il poco tempo a disposizione con il desiderio di scoprire sempre posti nuovi, così che avendo a disposizione una settimana di ferie a metà Aprile e valutato le possibilità abbiamo deciso di trascorrerla alle Maldive, più precisamente a Maafushi, cercando di contenere i costi.

Partiamo dall’aeroporto di Bologna in direzione Dubai con la compagnia Emirates, con la speranza di arrivare alle Maldive ancora in tempo prima che cominci la stagione delle piogge, alla fine sarà un compromesso tra giornate belle e altre piovose.

Il volo dura 6 ore che trascorrono piacevolmente tra pasti e film, arrivati a Dubai dobbiamo attendere 4 ore per prendere il volo che ci porterà in altre 4 ore di viaggio fino a Malè la capitale dell’arcipelago maldiviano, in ogni caso esistono molte opzioni di volo, basta cercare le offerte giuste. Così, tra microsonni in aereo e in aeroporto, ci ritroviamo a sorvolare gli atolli dell’Oceano Indiano e ad atterrare a Malè alle 9 del mattino, il fuso orario è di 3 ore in più rispetto all’Italia.

Scendiamo dall’aereo e subito sentiamo il bisogno di liberarci di vestiti e scarpe, la giornata non è bellissima ma le temperature vicino all’equatore non si discostano mai dai 28° ai 33°. Sbrighiamo le operazioni doganali abbastanza velocemente e usciamo dall’aeroporto dove, ad attenderci, c’è un ragazzo dell’Hotel Kaani Beach di Maafushi che ci porterà con una barca veloce sull’isola che abbiamo scelto come base per questa settimana maldiviana. Siamo stanchi e decidiamo di non aspettare un volo che sarebbe arrivato dopo un paio di ore e che ci avrebbe consentito di dividere le spese della barca con altri clienti dell’hotel e così pagando un po di più raggiungiamo Maafushi in 30 minuti. Avendo tempo a disposizione esiste anche un traghetto pubblico che, con soli 3 dollari, parte ogni giorno alle 15.00 per Maafushi dal porto di Malè.

CLICCA QUI: Cerca il tuo volo per Malè

Orizzonti a Maafushi, Maldive
Orizzonti a Maafushi, Maldive

Arrivo a Maafushi

Maafushi è un isola che appartiene all’atollo Kaafu a sud di Malè, è lunga poco più di un chilometro e larga 300 metri e ci abitano circa 2000 persone. Le isole alle Maldive possono essere suddivise in 4 gruppi: quelle abitate, i resort, quelle destinate alle coltivazioni e i piccoli isolotti o semplici banchi di sabbia.

Noi abbiamo scelto Maafushi per avere la possibilità di vedere come vivono gli abitanti di queste isole e devo subito dire che abbiamo incontrato persone bellissime, a dimostrazione che, anche se vige un severo stile di vita islamico, questo non fa dei maldiviani delle cattive persone. Sull’isola non esiste alcool e si può fare il bagno in costume solo in una spiaggia, chiamata Bikini Beach, mentre nelle altre spiagge si deve indossare un minimo di vestiario. La gente del posto si è dimostrata tutta molto allegra e disponibile, anche nel farsi fotografare, donne comprese.

Sbarcati sull’isola veniamo accompagnati al Kaani Hotel che si trova a nord proprio davanti alla Bikini Beach, una bella spiaggetta con sabbia bianca, palme e anche una discreta barriera corallina per fare snorkeling, che purtroppo ci riserverà una brutta sorpresa nei giorni a venire. Facciamo check in e un primo inconveniente ci capita quando, dovendo subito saldare il conto, scopriamo che le nostre carte Postepay non funzionano e dobbiamo così dare subito fondo alla cassa contanti e pagare in dollari, che sono accettati come moneta corrente. L’euro viene accettato, ma cambiato alla pari con il dollaro, mentre la moneta locale è la rufiyaa.

CLICCA QUI: Cerca una sistemazione a Maafushi

Scuola di Maafushi, Maldive
Scuola di Maafushi, Maldive

La camera è bella, ma nulla di speciale, con un terrazzo che si affaccia su un bel palmeto in riva al mare. Ci sistemiamo e trascorriamo il resto della giornata nella Bikini Beach all’ombra di una palma, mangiando cocchi e banane. Il sole è molto forte e ci spalmiamo per bene con una crema a protezione 50, cercando di non scottarci già il primo giorno.

Se sotto al sole ci si brucia, all’ombra il clima è fantastico e la brezza ci fa addormentare quasi subito. Anche l’acqua ha una temperatura perfetta, indossiamo le maschere ed esploriamo la barriera corallina che si dimostra più bella di quanto mi aspettassi.

Alle 18 si fa buio, l’orario equatoriale ha l’alba alle ore 6 circa e il tramonto alle ore 18 per dodici mesi l’anno. Noi abbiamo scelto la mezza pensione e il buffet per la cena è già pronto dalle 18,30, i pasti sono mediocri, si va da una zuppa calda per la clientela orientale ad insalate di frutta e verdura, carne, pesce e verdure molto speziate e piccanti dove spesso si trova il curry. Il tutto ricorda la cucina indiana, ma di bassa qualità. Durante la settimana le cose migliori che ho mangiato sono state un super tonno grigliato, indimenticabile, e una verdura chiamata finger lady, fritta o saltata con aglio.

Dopo cena siamo cotti e andiamo a dormire cercando di recuperare le ore di viaggio.

Bikini Beach, Maafushi, Maldive
Bikini Beach, Maafushi, Maldive

Una settimana a Maafushi

Il lunedì comincia con una colazione di basso livello, ma non ne usciamo affamati. Come prima escursione l’hotel offre una giornata di snorkeling nelle barriere coralline più belle della zona ad un buon prezzo di 30 dollari a testa.
Partiamo alle 9,30 e, dopo trenta minuti di navigazione, raggiungiamo il Turtle Reef una bellissima barriera dove in alcuni periodi dell’anno si possono incontrare anche le mante. Equipaggiati di tutto punto ci godiamo lo spettacolo dei mille colori che regalano pesci e coralli e, dopo circa un’ora, risaliamo in barca per raggiungere il Banana Reef. Qui la barriera è più profonda e il mare più agitato e io, da scarso nuotatore, mi godo di meno questa escursione e dopo solo mezz’ora decido di risalire in barca e aspettare gli altri.

Ci dirigiamo poi verso un bel banco di sabbia bianchissima, contornato dal mare con varie sfumature di azzurro, sbarchiamo, pranziamo con riso e verdure e ci godiamo per un’ora questo isolotto sperduto nell’oceano.


Se sei in viaggio alle Maldive puoi organizzare un’escursione a Maafushi con partenza da Malè:

CLICCA QUI: Prenota l’escursione alle isole di Gulhi e Maafushi


Isolotto sabbioso vicino a Maafushi, Maldive
Isolotto sabbioso vicino a Maafushi, Maldive

L’ultima tappa è il Biyadhoo Reef, durante l’avvicinamento scorgiamo in lontananza un branco di delfini e la barca subito si porta verso di loro, sono più di 20 e possiamo vederli molto bene mentre saltano o seguono la scia dell’imbarcazione fino a sparire dopo una decina di minuti veramente emozionanti.

Raggiungiamo l’isola di Biyadhoo, ricchissima di vegetazione, con una bellissima spiaggia e un mare tipicamente maldiviano. Mettiamo in conto una futura escursione su quest’isola e ci tuffiamo dalla barca per l’ultimo snorkeling di giornata in una delle barriere coralline più note a sud di Malè.

Tornati a Maafushi approfittiamo della bella giornata per andare nella spiaggia frequentata dai locals, non possiamo metterci in costume, ma siamo già belli bruciacchiati e stare in maglietta non è un problema. Qui la spiaggia è molto bella, ma lo tsunami del 2006 ha completamente distrutto i coralli di questo versante, l’acqua è cristallina e, incuriositi, facciamo il bagno insieme alle donne del posto vestite con i tipici abiti islamici.

Verso sera ci spostiamo nella Bikini Beach per osservare il tramonto e, con nostra sorpresa, vediamo cartelli e segnali che vietavano l’accesso alla spiaggia e il bagno causa lavori in corso. Ci consoliamo a cena con un indimenticabile tonno alla griglia.

Overwater bungalows ad Adaraan, escursione da Maafushi, Maldive
Overwater bungalows ad Adaraan, escursione da Maafushi, Maldive

Anche il giorno seguente facciamo un’escursione organizzata dall’hotel e abbiamo scelto di visitare un classico resort di lusso, l’Adaraan Vadoo, che raggiungiamo dopo una mezzora di viaggio. Ci accompagnano in una bella sala dove veniamo accolti con un cocktail di benvenuto e ci spiegano le regole del resort, dopo di che siamo liberi di girare su quest’isola non molto grande. Inutile dire della splendida spiaggia, del mare azzurro e anche della barriera corallina che merita belle nuotate, il lusso lo si nota anche dalla vegetazione molto curata, la piscina tra le palme e dai bungalow overwater in mezzo al mare collegati all’isola con un lungo pontile. All’inizio non vediamo molti ospiti, ma capiremo poi che si tratta di una classica isola da luna di miele, infatti all’ora di pranzo vediamo uscire dai vari bungalow solo coppiette che si incamminano verso il ristorante dedicato agli ospiti, mentre noi mangeremo in un buffet allestito sulla spiaggia. La giornata è bellissima e trascorriamo diverse ore all’ombra delle palme tra snorkeling e passeggiate tra la bella vegetazione. Alle Maldive, specialmente in questo periodo dell’anno, il tempo cambia molto rapidamente e così facciamo anche in tempo a prenderci il primo acquazzone che dura circa mezz’ora per poi lasciar tornare a splendere il sole.

Alle 17,30 ci raduniamo tutti sul pontile da dove viene lanciato in acqua il cibo di scarto della cucina e, in pochi secondi, vediamo arrivare enormi pesci grigi e neri che non conosco. Poi, facendo gruppo a parte, arrivano gli squali e anche grandi razze dalla coda lunga, da qui ammiriamo uno splendido tramonto e saliamo in barca per fare ritorno a Maafushi.

Adaraan, escursione da Maafushi, Maldive
Adaraan, escursione da Maafushi, Maldive

Il relax a Maafushi

Quarto giorno di viaggio, è mercoledì. Dopo il giorno dell’arrivo e le due giornate di escursione oggi la giornata la passiamo a Maafushi, anche perché il tempo è pessimo, e ne approfittiamo per un po di relax. Piove molto e solo verso le 11 usciamo per fare una passeggiata e a scattare foto all’isola e agli abitanti che sono molto disponibili e accoglienti. Purtroppo il tempo non migliora e dobbiamo rifugiarci ancora in camera e uscire solo nei rari momenti di tregua. Verso sera andiamo in una agenzia per prenotare l’escursione del giorno dopo ceniamo e facciamo poi una piccola spesa per il pranzo di domani.

Il giorno successivo è una bella giornata di sole e noi la trascorreremo nella vicina isola di Biyadhoo, che raggiungiamo dopo solo dieci minuti di viaggio.

Arrivati sull’isola ci rechiamo alla reception per pagare i 45 dollari d’ingresso per poi essere liberi di girare per questa splendida isola. Spiagge di sabbia bianchissima e soffice, con alle spalle una natura rigogliosa e selvaggia, un mare azzurro piscina fin dove comincia la barriera corallina definita da molti una delle più belle a sud di Malè. Ci piazziamo su due lettini all’ombra della vegetazione per poi fare un giro dell’isola, scattare foto e vedere il resort, un complesso di 100 camere immerso nella natura selvaggia, un 3 stelle che preferisco al 5 stelle visitato due giorni fa.

Biyadhoo, escursione da Maafushi, Maldive
Biyadhoo, escursione da Maafushi, Maldive

Ci sistemiamo sui lettini e passiamo una bellissima giornata tra snorkeling, bagni, sole e ombra in un clima perfetto, sia all’esterno che in acqua. Purtroppo le 17 arrivano presto e dobbiamo tornare al molo, dove ci aspettano per tornare a Maafushi. Per la prima volta riusciamo a cenare fuori, l’hotel ha organizzato un bel buffet tra palme illuminate e una bella aria di festa, anche perché l’indomani è venerdì, giorno di festa islamica.

Il venerdì, finalmente è giorno di festa e non veniamo svegliati dalla ruspa che sta lavorando sulla spiaggia. Purtroppo era ormai un fenomeno ricorrente ogni mattina e posso solo augurarmi che venga fuori un bel lavoro per chi ci andrà in futuro, anche se questo ci ha impedito di godere della spiaggia più bella dell’isola.

La giornata non è bella come ieri, ma decidiamo di trascorrere la nostra ultima giornata maldiviana ancora a Biyadhoo, ci rechiamo all’agenzia Maafushi tour e paghiamo i 20 dollari per il trasferimento sull’isola.

Ci sistemiamo nella stessa zona e cerchiamo di sfruttare quel po di sole che ogni tanto sbuca dalle nuvole, ma poi il tempo cambia in peggio e dobbiamo ripararci al bar. La giornata proseguirà così tra vento, pioggia e sole. L’evento clue della giornata avviene nel pomeriggio, con l’alta marea e il mare mosso, vediamo le tartarughe che si avvicinano alla riva.

Attimi di ansia sulla via del ritorno per via del mare mosso e di una piccola barca che rende la navigazione molto movimentata, ma facciamo giusto in tempo ad arrivare a Maafushi che si scatena un forte temporale e a fatica raggiungiamo l’hotel.

Stupenda Biyadhoo, escursione da Maafushi, Maldive
Stupenda Biyadhoo, escursione da Maafushi, Maldive

Nonostante il tempo incerto, al sabato, comincia la lunga giornata che ci riporterà a casa e un po’ di malinconia si fa sentire. Dopo la colazione andiamo a prenotare il transfert per l’aeroporto e scattiamo le ultime foto. Facciamo check out e ci imbarchiamo per Malè, arrivando in aeroporto dopo mezzogiorno. Lasciamo i bagagli al deposito e prendiamo il traghetto che in dieci minuti dall’aeroporto va a Malè per 1 dollaro. Visitiamo la capitale che, in verità, non ci piace per via del caos dovuto alle migliaia di scooter che intasano le vie. Facciamo in tempo a prendere l’ultimo temporale che ci bagna per bene e arriviamo al porto, l’unica zona che merita una visita tra i colori dei mercati ortofrutticoli e i grandi tonni del mercato del pesce.

Ma la città proprio non ci piace e, dopo uno spuntino a base di tonno, decidiamo di tornare all’aeroporto dove comincerà la lunga attesa per il volo che ci porterà a Dubai e poi a Bologna.



Booking.com

Mercato della frutta a Malè, in rientro da Maafushi, Maldive
Mercato della frutta a Malè, in rientro da Maafushi, Maldive

promo:

About Luca Benericetti 26 Articoli
Sono un operatore ecologico 45enne con la passione per i viaggi, mezzo podista e ancor meno ciclista abitante a Ozzano dell'Emilia in provincia di Bologna.

30 Comments

    • Salve Carla, sull’isola ci sono diverse spiagge, la spiaggia di fronte al Kaani beach, la più bella, è riservata ai turisti e ci si può mettere in bikini. Nel resto dell’isola non si può.
      Buon viaggio e buone Maldive! 😀

  1. Ciao, io alloggerò al Sun Tan Beach Hotel, vorrei qualche informazione sulla spiaggia e come raggiungere da Malè l’isola, grazie.

    • Ciao Aldo,
      Puoi raggiungere l’isola di Maafushi sia con il traghetto pubblico, più lento ma economico, che con barche veloci. Le troverai all’uscita dell’aeroporto. Guarda il link http://www.atolltransfer.com/
      La spiaggia bella riservata ai turisti si trova di fronte al Kaani beach hotel. Ti ricordo che solo lì si può stare in costume, nel resto dell’isola è proibito.
      Buon viaggio
      Luca

  2. Ciao Luca, vorremmo andare a Maafushi a Natale. Abbiamo sentito il White Sand lodge, lo hai visto? Quanto costa il transfer dall’aeroporto a Maafushi? Ho letto il tuo racconto di viaggio che farò mio. Per il visto di ingresso occorre fare qualcosa? La mia intenzione è prendere solo il volo al momento e prenotare con booking.com il lodge. Grazie mille in anticipo!

    • Ciao Franca, non conosco il White Sand Lodge, gli hotel sono tutti nella zona nord-est dell’isola, quella dedicata al turismo. Molti hotel organizzano transfer da e per l’aeroporto, ti conviene contattarli. Guarda anche questo link http://www.atolltransfer.com/ ci sono anche traghetti pubblici lenti ma economici.
      Per il visto se viaggi per conto tuo devi dimostrare che hai una prenotazione alberghiera.
      Ciao
      Luca

  3. Ciao Luca, ho prenotato per Maafushi e vorrei sapere quali escursioni mi puoi consigliare? E’ vero che per andare su altre isole bisogna pagare l’ingresso? Ce ne sono di gratuite?

  4. Ciao Franca,
    Per visitare le isole si paga un ingresso che varia in base al livello del resort che ci si trova sopra.
    A Maafushi troverai il modo di organizzare diverse escursioni, giornate di snorkeling o visite su altre isole, io sono stato nell’atollo dove c’è il resort Aradaan Vadoo, il tipico atollo da viaggio di nozze luxury ma ti consiglio di andare nella vicina isola di Biyadhoo che puoi raggiungere velocemente da Maafushi, l’ingresso è più economico che altrove e l’isola è stupenda, selvaggia con una spiaggia da sogno e una barriera corallina perfetta per lo snorkeling.

  5. Ciao Luca, io sto valutando di andare al Kaani hotel , siamo due famiglie con un totale di 5 bambini dai 12 anni al più piccolo che ha 9 mesi, secondo la tua esperienza quest’isola e questo hotel sono a prova di bambini?
    grazie e grazie per il tuo resoconto..

    • Ciao Alessandra, io non avendo figli non posso dare un giudizio competente, sull’isola non c’è traffico automobilistico ma ci sono scooter, l’isola è piccola e difficilmente ci si può perdere. L’hotel ha un parco giochi proprio di fronte.
      Ciao
      Luca

  6. Ciao Luca, grazie intanto per il dettagliato racconto. Noi (siamo una coppia e un bambino di 4 anni) vorremmo andare dal 20 aprile al 28/29, mi lascia un po’ incerta il problema tempo. Tu, in base alla tua esperienza, ce lo consigli? E poi volevo chiederti se durante le escursioni o comunque sull’isola di Bihadoo ci si può mettere in bikini. Grazie mille per la risposta.

    • Ciao Mari,
      Per quanto riguarda il mese di Aprile il rischio di trovare giorni di pioggia esiste anche se la temperatura rimane sempre buona.
      Bihadoo è un isola resort, non ci sono problemi, si vive all’occidentale.
      Buon viaggio

  7. Ciao Luca, anch’io ho prenotato al Kaani Beach, volevo chiederti essendo che farò scalo a Dubai sai se si può scendere dall’aereo senza uscire dall’aeroporto? Grazie

    • Ciao Vincenzo, ti rispondo perché anche io ho fatto scalo negli Emirati e ti confermo che non sei obbligato a uscire dall’aeroporto. Se però avessi qualche ora a disposizione, diciamo più di 6, valuta di prendere un taxi e fare un tour della città, può essere molto interessante, io lo feci ad Abu Dhabi.
      Facci sapere come va? 🙂

      • Ciao, sto pensando alle Maldive come viaggio futuro, adoro il tuo diario di bordo, e ne farò tesoro, volevo chiederti come poter prenotare le escursioni, direttamente in loco oppure anche online? Quanto ti è costata la visita ad Adaraan Vadoo?

    • Ciao Angelo, certamente sarà possibile pagare con carta di credito, ma se vuoi portare un po’ di liquidità può sempre fare comodo, sopratutto se voleste acquistare qualche servizio o souvenir dalle botteghe locali.

  8. Ciao Luca, noi pensavamo di recarci in questo atollo a metà di novembre? Com’é il clima? Pensavamo di alloggiare al Triton Beach Hotel and spa. Lo conosci? Come struttura è valida?

    Grazie

    • Ciao Leonardo e grazie del messaggio, sono Gian Luca e inizio col dirti che io stesso visitai le Maldive in novembre. La temperatura media in quella stagione è intorno ai 31°C, il meteo è buono ma può avere qualche rovescio perché sei nella stagione più umida. In ogni caso la pioggia alle Maldive è un evento spettacolare, vento e acqua come se fosse il finimondo, ma dopo 10 minuti la spiaggia è calda, asciutta e si torna a fare il bagno. Attenzione solo alle noci di cocco 😉

  9. Ciao Luca, anche noi stiamo valutando di alloggiare al Kaani, per una settimana, volevo chiederti se ci consigliavi la mezza pensione? Poi avendo una bimba di 4 anni ho letto che di fronte c’è un parco giochi, ti ringrazio.

    • Ciao Luca e grazie per questo commento. La risposta è si, sull’isola si trova un carcere, ma in realtà non reca alcun disturbo. Il parco giochi si trova invece accanto alla spiaggia dei turisti.
      Se avessi altre domande restiamo a disposizione,
      Gian Luca

  10. Io intendo andare a fine febbraio, come sarà il tempo e nell’isola come ci si arriva? Io non ho ancora prenotato, ho la scelta tra Kaani o Ameera.

    • Ciao Debora e grazie del commento, a febbraio alle Maldive dovresti stare benone, se anche vi fosserro rovesci di pioggia sarebbero comunque acquazzoni passaggeri. Per quanto riguarda il transfer dall’aeroporto puoi trovare le speedboat al tuo arrivo a Malè, sono molte e non dovrebbe essere un problema, basta solo trovare quella diretta a Maafushi.
      Se hai bisogno di altre informazioni scrivi pure,
      Gian Luca

    • Buongiorno Antonio e grazie per il tuo commento,
      io credo che non serva preoccuparsi troppo, purtroppo non è possibile prenotare il trasfer da Malè all’isola di Maafushi online, ma proprio fuori dall’aeroporto si trova il porto con i moli da cui le imbarcazioni raggiungono le varie isole. Fate solo attenzione di trovare quello diretto a Maafushi, il resto dovebbe essere molto semplice.
      Godetevi il viaggio e tornate a raccontarmi le vostre Maldive!
      Gian Luca

  11. Salve, io vorrei andare a Luglio, durante la stagione delle piogge, vorrei sapere se rischio di non vedere mai il sole e se sull’isola cè la possibilità di acquistare legalmente alcool

    • Ciao Davide e grazie del messaggio, la stagione delle piogge può effettivamente essere una scocciatura, ma per fortuna alle Maldive è difficile che una giornata sia totalmente coperta. Per esperienza le piogge durano poco tempo e sono passeggere, ci può essere vento forte e consiglio di stare in camera per evitare cocchi vaganti, ma sono sicuro che le Maldive sapranno ripagarti di qualche scocciatura meteo. Torna a raccontarci come è andata 🙂
      Per quanto riguarda gli alcolici credo si possano acquistare solo all’interno del villaggio (ammesso che si possa), ricorda che sono comunque vietati dalla legge nelle aree della comunità dell’isola.
      Gian Luca

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*