Mare Stati Uniti, tempo di spiagge e vacanze

promo:

 Clicca e scopri la vacanza da favola
Mare Stati Uniti, spiaggia di Bahia Honda
Mare Stati Uniti, spiaggia di Bahia Honda

L’estate si avvicina, è tempo di decidere dove andare al mare quest’anno. Allora perché non ricordare che gli Stati Uniti sono un vero paradiso per gli amanti delle spiagge e della tintarella, grazie a migliaia e migliaia di chilometri di costa in gran parte sabbiosa e diritta affacciata sugli oceani Atlantico e Pacifico e sul Golfo del Messico?

Se a questo uniamo la fortuna di un mare generoso di onde da cavalcare, che le rendono idonee a praticare il surf, è facile capire che chiunque ami il mare non può mancare di visitare gli States!

Mare Stati Uniti, Malibu
Mare Stati Uniti, Malibu

Mare Stati Uniti, un panorama diverso

La prima volta che sono arrivato su una spiaggia americana ne sono rimasto sconcertato. E me ne sono innamorato. Per uno come me, cresciuto nella ridente Versilia degli anni ’70 e ’80, spiaggia estiva era sinonimo di ombrelloni ravvicinati, folle accaldate e musica a tutto volume.

Beh, a parte rare eccezioni, questo quadretto, che pure ha un suo fascino, è lontano anni luce dalla “picture” delle spiagge americane. Certo, trovare un lembo di sabbia libera a Coney Island (una delle spiagge di New York) o a Malibu (l’arenile dei ricchi californiani di Beverly Hills) durante una bella domenica di luglio può essere un’impresa ai limiti dell’impossibile, ma esistono talmente tanti santuari naturali e spiagge isolate da soddisfare qualsiasi desiderio di solitudine in sola compagnia del fragore delle onde e del sapore inconfondibile della salsedine.

Mare Stati Uniti, Surf City
Mare Stati Uniti, Surf City

Semmai è facile ritrovarsi in compagnia di uccelli stanziati o migratori che depongono le loro uova indisturbati a pochi metri dal mare, o di animali marini stupendi che si avvicinano senza timore alla battigia. Purtroppo, in certi casi, il timore deve essere il nostro.

L’altra cosa immediatamente evidente è l’ampiezza degli arenili, che definire sconfinati è riduttivo.

Spesso per raggiungerli si devono oltrepassare estese dune eleganti nella dolcezze dei loro declivi, e una volta arrivati non rimane che stupirsi del panorama fatto di una distesa dorata di sabbia lunga chilometri e larga centinaia di metri, cui fa da contraltare il mare altrettanto esteso.

Infine, una delle cose che bisogna sempre ricordare è che, in generale, non esistono spiagge attrezzate. Ombrelloni, lettini, sedie e quant’altro devono essere portati al seguito. Non ho mai trovato nemmeno un posto che li noleggiasse, mentre invece ho quasi sempre trovato la disponibilità di docce e bagni. Rari invece i punti di ristoro.

Mare Stati Uniti, Daytona Beach
Mare Stati Uniti, Daytona Beach

Mare Stati Uniti, dove andare?

Non esiste la spiaggia perfetta in assoluto, esiste la spiaggia perfetta per ognuno di noi. In America è impossibile non trovare quella adatta a se stessi, anche perché si può andare al mare quasi tutto l’anno.

In Florida, ad esempio, la stagione balneare inizia ben prima dell’estate grazie alla benevolenza del clima, anzi in estate il clima praticamene insopportabile scoraggia molti dal visitare lo stato.

Parlando proprio di Florida, è indubbio che le spiagge più glamour siano quelle della costa Atlantica: Miami Beach, Key Byscaine, Daytona Beach (dove si parcheggia direttamente sull’arenile) sono nomi famosi in tutto il mondo, ma chi veramente ama il mare preferisce gli immensi arenili di Panama City, di Naples o di Tampa, che invece si affacciano sul Golfo del Messico.

Fanno loro concorrenza le spiagge texane quali Galveston, Corpus Christi e Padre Island, non meno spettacolari.

Mare Stati Uniti, panorama di Bahia Honda
Mare Stati Uniti, panorama di Bahia Honda

Sempre rimanendo “in zona” le Isole Keys meritano un discorso a parte. Di spiagge ce ne sono poche, ma Bahia Honda vale assolutamente il viaggio e poi alle Keys si va per avere un’idea di cosa sia il Paradiso, a prescindere dalle spiagge.

Risalendo sulla costa atlantica non posso non citare la mia zona di costa preferita, le Outer Banks contese fra le 2 Carolina, una stretta penisola protesa nel mare più azzurro dove godere di una solitudine preziosa e di una rilassatezza fuori da comune.

Non troppo lontana è Virginia Beach, nella zona sud della Cheasepeake Bay, località alla moda caratterizzata da un’edilizia selvaggia nella zona centrale ma vicina a spiagge riserva naturale di rara bellezza, che son da preferirsi assolutamente.

Ovviamente la lista è ancora lunga prima di arrivare al nord dove le acque sono gelide tutto l’anno e il bagno è sconsigliato: Atlantic City, Cape May e l’ancor più settentrionale Cape Cod sono mete famose molto gettonate.

Sulla costa pacifica la California domina incontrastata la scena, offrendo spiagge splendide frequentate da un’umanità variopinta per la quale niente è veramente eccessivo. Gli abitanti di Los Angeles, la città dell’ordinaria follia, possono rilassarsi a Malibu, Venice, Santa Monica o Long Beach, vere e proprie città nella città, oppure allontanarsi verso nord e raggiungere la tranquilla Santa Barbara.

Santa Barbara è forse l’ultima propaggine sabbiosa a nord, perché poi inizia un tratto frastagliato che fra località nascoste, promontori a picco sul mare e piccole calette incontaminate porta fino a San Francisco. Percorrere la CA-1 da San Francisco a Los Angeles, a pochi metri dal mare ma alti sui promontori, può essere un’esperienza indimenticabile.

E se ancora non riuscite a scegliere… potete sempre rivolgere il vostro sguardo alle Hawaii o alle American Virgin Islands ai Caraibi!

Mare Stati Uniti, Outer Banks
Mare Stati Uniti, Outer Banks

promo:

 Clicca e scopri la vacanza da favola
About Marco Scandali 23 Articoli
Non sono del mestiere, non ho competenze specifiche o un background di studi attinente al turismo e frequento la rete da blogger solo dal 2011. Però, fin da piccolo, ho un talento naturale (almeno così mi dicono) per la scrittura creativa e riesco nei miei testi a trasmettere emozioni (sempre a detta degli altri). Blogger, Marco Scandali Area 51A questo è bastato sommare la passione fortissima per i viaggi e un mestiere da giramondo che mi ha portato a toccare i 5 continenti, e il gioco è stato fatto. Sono nato a Verona nel 1971, laureato in Ingegneria nel 1997, marito e padre appassionato, la mia famiglia condivide la mia vocazione e insieme abbiamo attraversato in macchina quasi tutti gli Stati Uniti, dove vivo dal 2011. Oltre 100.000 km alla scoperta di un continente sconfinato e meraviglioso, l’unico modo per coglierne le 1000 anime diverse è confrontarsi con esse trasformando il viaggio in una ricerca di se stessi. Prima ancora ho vissuto in tutta Italia, dal Nord fino alla Sicilia e sicuramente, anche quando sarò tornato, ripartirò in breve tempo. Animo da blogger Mi piace andare oltre l’impatto iniziale dei luoghi che visito, capirne l’essenza e immedesimarmi nei suoi abitanti per sentirmi cittadino del mondo, per poi infine condividere le sensazioni mediante le parole. Suoni, colori, culture e immagini si fondono in un racconto che trasporta il lettore al centro della scena. Adesso è il momento di raccontare le mie esperienze attraverso il mio sito, Viaggia e Scopri e i libri che sto scrivendo. Come dicono negli States…more to come!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*