Santuario del Mazzucco, percorsi di fede a Camandona

promo:

 Clicca e scopri la vacanza da favola
Santuario del Mazzucco, le Valli della Fede
Santuario del Mazzucco, le Valli della Fede

Uno dei luoghi più suggestivi di Camandona è stato di certo il Santuario del Mazzucco, uno dei piccoli santuari mariani dell’arco alpino collegati dall’itinerario escursionistico della Valli della Fede.Abbiamo visitato il Santuario del Mazzucco durante la prima giornata di #ExploreCamandona, così abbiamo identificato in rete il racconto delle due giornate che ci hanno portato a conoscere meglio questo paese del biellese. In compagnia di Ilario Guelpa Piazza, memoria storica della cittadina montana, abbiamo camminato tra le vie per conoscere aneddoti, storie, personaggi e leggende, il tutto per raccontare al mondo un altro pezzetto della provincia di Biella, un territorio che ha davvero molto da offrire.

Santuario del Mazzucco, scorcio della facciata
Santuario del Mazzucco, scorcio della facciata

Santuario del Mazzucco

La storia del Santuario del Mazzucco è strettamente legata alle abitudini popolari legate alla transumanza, questo santuario sorge infatti nella parte più alta di Camandona, oltre frazione Falletti, luogo da cui partono i sentieri diretti verso gli alpeggi dell’alta Valle del Sessera.

In questi tre brevi video, in una trilogia narrata dalla voce di Ilario, andiamo alla scoperta del Santuario del Mazzucco, a cominciare con la storia di questo luogo ormai conosciuta da pochi tra i più anziani del paese.

Un luogo di fede forse dalla semplice architettura, ma ricco di storia e di avvenimenti che paiono dettati dal caso in un disegno che ha portato, a seguito di un furto della tela che ornava l’altare maggiore, alla scoperta di un affresco originario e raffigurante la Madonna di Loreto. Questo ritrovamento fa si che il santuario venga inserito tra i santuari mariani minori dell’arco alpino. Ma quale sarà quindi la storia originaria del Santuario del Mazzucco?

Tramandata nei secoli giunge fino a noi anche la leggenda dell’eremita del Santuario del Mazzucco, personaggio che forse eremita non lo era nel vero senso della parola, ma di certo un monaco che viveva qui con pochi confratelli e accoglieva i viandanti che si trovavano a passare lungo il sentiero.

Pare che durante il 1600, al tempo in cui la piaga della peste dilagò tra le valli biellesi, i monaci usassero seppellire i cadaveri, disinfettati cospargendoli con un po’ di calce, nel pendio che volge verso il paese. Uno dei monaci, dopo qualche tempo cominciò a coltivare un orto, sia per trarne ortaggi da mangiare, sia nella speranza di venderne un po’ ai paesani, ma costoro, visto il passato di morte che pervade quell’area di terreno, si rifiutarono di mangiare verdure provenienti dal Mazzucco.

Riprese e montaggi di questi video sono a cura di Andrea Battagin

promo:

 Clicca e scopri la vacanza da favola
About Andrea Battagin 3 Articoli
Mi chiamo Andrea Battagin, sono un fotografo e video operatore professionista. Fin da piccolo ho amato la fotografia come mezzo per esprimere i miei sentimenti, per cercare di interpretare quelli altrui e per far conoscere a tutti una storia. Sono da sempre appassionato di ritratti, ma non posso nascondere la mia passione per le fotografie ed i video di reportage e per quelli sportive. Sono cresciuto nell’era dell’analogico: inizialmente con le piccole compatte (quelle che ti regalano per la Prima Comunione, per intenderci), per poi passare alla prima reflex. Ho iniziato con una Minolta X300 con la quale ho imparato le tecniche fotografiche, divertendomi a fare i primi scatti con le pellicole, ma soprattutto con le diapositive. Al tempo stesso ho iniziato a sperimentare nell'ambito video con le prime telecamere 8mm e Hi8. Successivamente sono poi passato alla prima reflex autofocus: la Minolta Daynax 40. Ma ben presto sono entrato nel mondo del digitale con l’Olympus C1000. Poi la scelta definitiva: Canon. Un susseguirsi di modelli: 1000D, 500D, 40D, 7D… fino ad arrivare ai “giorni nostri” dove possiedo, ed uso, la mia fidata Canon 6D, per i servizi fotografici e video “seri”, alla quale affianco la mia fidata Panasonic Ag-ac90, mentre uso la mia piccola Fujifilm x20 per giocare e sperimentare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*