Weekend nelle Marche, itinerario alla scoperta di volti e borghi sui Monti Azzurri

Il borgo di Pievefavera, weekend nelle Marche
Il borgo di Pievefavera, weekend nelle Marche

Da molto tempo sognavo di vivere un weekend nelle Marche, fin da quando, nel 2016, trascorsi dei giorni indimenticabili a Visso, proprio due giorni prima che il sisma si abbattesse sul territorio dei Monti Sibillini. Da allora sono trascorsi i mesi e tutto ciò che sentivo delle Marche parlava di terremoto, di gente che ha perso la casa, il lavoro e di paesi ormai divenuti fantasmi, ma le Marche sono ben altro.

Il territorio delle Marche è ben più vasto dell’area colpita dal sisma e in questa regione ci sono migliaia di percorsi in cui vivere esperienze davvero indimenticabili. Alcuni di questi percorsi attraversano le aree danneggiate dal sisma, ma sono perfettamente praticabili poiché le zone a rischio sono ben tenute sotto controllo dalle autorità preposte.

Proprio la consapevolezza che non tutto fosse perduto mi ha spinto ad accettare l’invito dell’Unione Montana Monti Azzurri a partecipare a un tour alla scoperta di luoghi e persone unici e tipici di queste alture, i Monti Azzurri appunto. Luoghi che ho deciso di raccontarti sotto forma di itinerario indimenticabile per un weekend nelle Marche.

Cena a Civitanova Marche, weekend nelle Marche
Cena a Civitanova Marche, weekend nelle Marche

Weekend nelle Marche

Il mio tour tra i Monti Azzurri è cominciato sulla costa adriatica, più precisamente da Civitanova Marche, una cittadina che apparentemente non ha molto da offrire, ma che in estate si anima di turisti che giungono per godere delle sue spiagge e del mare.

Se ti trovassi a passare per Civitanova Marche, e dovessi avere fame, ti consiglio di cercare lo ZerO733, un ristorante nato come piadineria che prende il nome dal prefisso telefonico locale. Gestito da tre soci dedicatisi alla ristorazione per seguire una passione comune è ormai divenuto una vera istituzione in città.

La cucina dello ZerO733 è innovativa e fantasiosa, i piatti proposti seguono i ritmi stagionali e sono preparati utilizzando ingredienti sempre freschissimi. L’estro dello chef si distingue nella piacevole presentazione delle portate, riuscendo a far diventare anche un hamburger accompagnato dalle patatine un piatto d’alta classe.

Il mio stop obbligato prima di salire tra i Monti Azzurri si è così rivelato una bella parentesi di viaggio, da qui si parte verso l’entroterra e, dopo aver radunato il gruppo, non ci resta che mettere in moto il veicolo.

Il modo migliore per visitare questa zona è infatti quello di spostarsi in automobile, in questo modo potrai gestire al meglio i tuoi tempi e scegliere i percorsi più panoramici, che qui non mancano di certo. I Monti Azzurri si trovano limitrofi al Parco Nazionale dei Monti Sibillini e per certi versi ne condividono alcune caratteristiche, sono comunque alture meno rilevanti.

Loro Piceno, città del vino cotto, Azienda Agricola Tiberi David, weekend nelle Marche
Loro Piceno, città del vino cotto, Azienda Agricola Tiberi David, weekend nelle Marche

Loro Piceno, città del Vino Cotto

La prima tappa del tour è all’insegna dei sapori tipici locali, il Vino Cotto è infatti un prodotto tipico di quest’area la cui preparazione si tramanda da lunghe generazioni. La sua produzione è lunga e necessita di particolari attenzioni, sopratutto durante la cottura che dura per 6 o 7 ore.

Le aziende agricole che producono il vino cotto sono diverse, ma una delle più storiche e dal vino più pregiato è l’Azienda Agricola Tiberi David, presso la quale è possibile fare delle degustazioni per meglio conoscere questo prodotto e la tradizione che lo lega ai Monti Azzurri.

Sempre a Loro Piceno ci spostiamo verso il centro del borgo per conoscere Peppe Cotto. Egli è un personaggio molto bizzarro, sicuramente il più stravagante incontrato durante il mio weekend nelle Marche, anche diffusamente conosciuto come il Macellaio Poeta.

Peppe Cotto, il macelliere poeta, weekend nelle Marche
Peppe Cotto, il macelliere poeta, weekend nelle Marche

La bottega di Peppe Cotto si trova proprio nel cuore di Loro Piceno, una piccola vetrina accanto ad un portoncino sul quale si leggono le parole Bed Breakfast Butcher affiancate dal disegno di un letto e da quello di una mannaia. Proprio affacciato a questa porta ci attende un signore dallo sguardo sinistro, un po’ sospettoso, che non appena nota il nostro interesse nei suoi confronti parte con il suo spettacolo.

A suon di rime e versi bizzarri e umoristici ci invita ad entrare nella macelleria, un ambiente per certi versi tetro, per altri folle e per molti molto divertente. In un monologo / dialogo condito di gag, scenette, esibizioni e trasformismo ci offre un aperitivo a base di vino cotto e ciauscolo, proseguendo poi a suon di risate che culminano con un nostro applauso scrosciante prima di congedarci.

A Loro Piceno si trova anche un’ottima base per esplorare la zona, l’Agriturismo Villa Le Vigne si trova infatti fuori paese ed è immerso nella natura per offrire una location molto suggestiva, sopratutto all’alba.

Degustazione alle Cantine Saputi, weekend nelle Marche
Degustazione alle Cantine Saputi, weekend nelle Marche

A Colmurano tra buon vino e buona cucina

Proprio vicino a Loro Piceno si trova il paese di Colmurano, località della quale ho avuto modo di apprezzare i sapori.

Le Cantine Saputi sono infatti un’ottima scelta per degustare, e anche acquistare, il vino locale. Una visita guidata è un modo interessante per conoscere meglio il prodotto di questa azienda agricola e la passione che la famiglia dedica alla qualità sia della coltivazione dei vigneti che del prodotto ultimato.

La degustazione inoltre permette di apprezzare una varietà di etichette tale da trasportare il palato dalle fresche note del vino bianco Ribona ai sapori più rotondi e tanninici del rosso barricato, il Castru Vecchiu è uno dei miei preferiti.

Le Cantine Saputi sono anche proprietarie di Villa Le Vigne, se decideste di soggiornare li non potete perdere una degustazione in cantina.

Per la cena, invece, siamo stati ospiti della Agriturismo Agra Mater, una struttura restaurata con gusto e gestita da un team giovane che ha saputo trasmettere nelle portate la passione per la lavorazione dei prodotti stagionali e di qualità. Una sceta sicuramente consigliata.

Pievefavera, frazione di Caldarola, weekend nelle Marche
Pievefavera, frazione di Caldarola, weekend nelle Marche

Caldarola e Cessapalombo: il fascino dei borghi e della natura

I borghi dai vicoli rocciosi sono disseminati un po’ ovunque tra i Monti Azzurri e, mentre alcuni hanno purtroppo subito lesioni a seguito del sisma, altri meritano di essere scoperti e valgono una visita.

Il paese di Caldarola ha riportato danni a causa del terremoto, ma alcune sue frazioni sono rimaste pressoché illese. Una passeggiata tra i vicoli di Pievefavera e Vestignano permette di entrare in contatto con queste realtà che convivono con un territorio talvolta imprevedibile. Questi due borghi conservano scorci molto caratteristici e vedute sul Lago di Caccamo, un lago artificiale dal quale è possibile decollare in idrovolante per vivere un’esperienza di volo sui Monti Azzurri e sul vicino Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Il volo va pianificato e viene svolto solo in condizioni meteo favorevoli.

Il Giardino delle Farfalle, la serra sensoriale, weekend nelle Marche
Il Giardino delle Farfalle, la serra sensoriale, weekend nelle Marche

A poca distanza da qui, nel territorio del comune di Cessapalombo, si trova una delle realtà più affascinanti che ho avuto modo di conoscere durante questo viaggio: il Giardino delle Farfalle.

Non pensare subito che questo sia un luogo per bambini, anche se certamente ad essi è dedicato, il Giardino delle Farfalle è una stupenda realtà sopravvissuta al terremoto grazie all’impegno di Patrizio e Fabiana, una coppia che (con il proprio sforzo lavorativo ed economico) ha saputo ricostruire e far ripartire quest’oasi nel verde che permette di conoscere molti aspetti della vita degli insetti, di sperimentarli tramite un museo interattivo, approfondirli tramite laboratori che sensibilizzano al rispetto della natura e tramite una serra sensoriale, per poi seguire vari percorsi nel parco per ritrovare e rivivere ciò che ci è stato spiegato.

Il Giardino delle Farfalle è un luogo piacevole e rilassante, ottima tappa per conoscere anche meglio la natura dei Monti Azzurri.

Il dinosauro della Fondazione Claudi, weekend nelle Marche
Il dinosauro della Fondazione Claudi, weekend nelle Marche

A Serrapetrona tra vernaccia, stelle e dinosauri

Un viaggio tra i Monti Azzurri non smette di stupire, capita infatti che nel paese di Serrapetrona ci si imbatta nel Museo Fondazione Claudi, struttura realizzata per l’esposizione della bizzarra collezione del defunto Giorgio Recchi, abitante locale appassionato di archeologia.

Tra i pezzi ritrovati nel suo archivio, che contava oltre 3.000 fossili, è stato anche rinvenuto lo scheletro di un dinosauro che egli acquistò negli Stati Uniti, ma di cui nessuno sapeva la concreta esistenza fino alla sua morte.

L’esposizione è molto interessante e riesce a catapultare il visitatore indietro nelle età preistoriche, un viaggio nel viaggio davvero entusiasmante.

Serrapetrona è anche terra di sapori ed è qui che si trova l’Azienda Agricola Maggi e Vecchioni, da molti conoscuta per l’ardore con cui il giovane Yuri Maggi, erede dell’azienda, ha saputo risollevarne le sorti dopo il terremoto.

I danni subiti dal sisma non sono serviti a fermare Yuri e la sua famiglia. Il ragazzo ha saputo unire l’esperienza in azienda e la tecnologia dotando le stalle di webcam con cui monitorare i capi di bestiame (ad esempio) e, con la sua simpatia e intraprendenza, ha saputo conquistarsi un posto in questo territorio.

Puoi conoscere Yuri organizzando una cena / degustazione da lui in azienda. La cucina casereccia di sua madre riuscirà a mandare in visibilio il tuo palato e, tra un bicchiere di vino e una risata, trascorrerai una delle più belle serate che puoi aspettarti da un weekend nelle Marche. I prodotti dell’azienda Maggi e Vecchioni possono essere anche acquistati online tramite il loro sito internet.

Vigneti di vernaccia a Serrapetrona, weekend nelle Marche
Vigneti di vernaccia a Serrapetrona, weekend nelle Marche

Sempre qui a Serrapetrona si trovano le Cantine Quacquarini, conosciute per la coltivazione e la produzione della Vernaccia. Questo vitigno viene coltivato tra i 300 e i 700 metri slm e il territorio di Serrapetrona riesce a conferire a questa varietà di uva delle proprietà tali da produrre una Vernaccia davvero pregiata.

Una visita guidata ti porterà a scoprire i vigneti, lo stabilimento di produzione della Vernaccia e anche a scoprire lo stabilimento dolciario dove vengono prodotti golosi cioccolatini e dolciumi. La degustazione all’interno del punto vendita è altamente consigliata.

Quacquarini non è l’unica cantina di Vernaccia di Serrapetrona, ve ne sono altre da scoprire tra cui possiamo ricordare l’azienda agricola Podere sul Lago.

La prova che Serrapetrona non è da sottovalutare sono anche le stelle, infatti tra le cime più alte si trova l’osservatorio astronomico dell’Associazione Astrofili Crab Nebula, idea magnifica per una visita notturna nelle serate in cui il cielo è sereno. I volontari saranno lieti di spiegarti l’universo e, meteo permettendo, farti scrutare le stelle con il telescopio in dotazione all’osservatorio.

Osservatorio astronomico Crab Nebula, weekend nelle Marche
Osservatorio astronomico Crab Nebula, weekend nelle Marche

Belforte del Chienti, culla d’arte

Un altro grazioso borgo da visitare è Belforte del Chienti, situato a poca distanza da Serrapetrona e da Caldarola.

Se arrivi in zona verso l’ora di pranzo un’ottima scelta è quella di fare una sosta all’Agriturismo Coroncina Veg, circondato dalla natura e realizzato con filosofia solidale e in modo da ridurre al massimo l’impatto con l’ambiente.

La titolare, Melania, è vegana ma non per questo il menù da lei proposto non è delizioso, anzi, pranzare qui mi ha fatto ricredere su molti pregiudizi che avevo sulla cucina e sulla filosofia vegana, facendomi scoprire pietanze gustose e preparate secondo stagionalità e nel rispetto dei ritmi naturali.

All’Agriturismo Coroncina Veg è possibile anche soggiornare, la piscina è realizzata in resina che cattura il calore del sole e permette di usufruirne già in primavera, mentre in giardino si trova una particolare suite realizzata in una grande botte di legno. Curioso?

Sala comune di Palazzo Bonfranceschi, weekend nelle Marche
Sala comune di Palazzo Bonfranceschi, weekend nelle Marche

Tuttavia, durante il mio viaggio, ho avuto modo di scoprire un altro bel luogo in cui soggiornare, si tratta di Palazzo Bonfranceschi, una residenza d’epoca gestita da Alfonso Caputo, artista le cui opere si trovano esposte al pian terreno in un accogliente soggiorno studiato all’insegna dell’arte.

I due piani superiori ospitano un salone comune stupefacente, la sala colazioni e diverse camere arredate in stile più sobrio e moderno.

Il titolare, Alfonso appunto, sarà anche un’ottima guida per andare alla scoperta delle bellezze di Belforte del Chienti, dove ti consiglio di visitare la Chiesa di Sant’Eustachio (che ospita il meraviglioso polittico di Giovanni Boccati), la Chiesa di San Giovanni (dove si trovano i resti di affreschi realizzati dal De Magistris) e la Chiesa di San Sebastiano, ora area espositiva del MIDAC (International Dynamic Museum of Contemporary Art) dove sono esposte alcune opere di Alfonso Caputo, della sua compagna e di molti artisti contemporanei che sono stati ospiti a Palazzo Bonfranceschi.

Spesso non ci si immagina la ricchezza storico artistica che Belforte ha da scoprire. Proprio per questo una visita finisce per divenire un’esperienza rivelatrice e indimenticabile, arricchita dai numerosi panorami che si possono ammirare dalle terrazze che, qua e la, si affacciano dai margini del borgo.

Centro Studi Romolo Murri a Gualdo, weekend nelle Marche
Centro Studi Romolo Murri a Gualdo, weekend nelle Marche

Gualdo e Monte San Martino connubio di cultura e arte

Sempre all’insegna della cultura visitiamo il comune di Gualdo, dove si trova il Centro Studi Romolo Murri. Per molti questo nome può suonare sconosciuto, ma Murri è famoso per essere stato colui che fondò il primo Movimento Democratico Cristiano d’Italia.

Questo avvenne nel 1900, periodo nel quale Romolo Murri era sacerdote qui a Gualdo. Tuttavia il suo fervore politico era piuttosto in attrito con le autorità ecclesiastiche e Murri venne ben presto scomunicato. Questo evento ne segnò l’esistenza, ma la sua fede non cessò, nemmeno dopo il suo matrimonio, e sopratutto non cessò la sua passione per la politica, che lo portò a viaggiare e ad entrare in contatto con analoghi movimenti politici un po’ in tutto il mondo.

L’area espositiva del Centro Studi raccoglie interi scaffali di scritti di Murri, di testi da lui collezionati e di diari e testimonianze racchiuse nelle lettere ritrovate o nelle centinaia di cartoline che raccontano la storia della sua vita e  ci fanno capire che persona fosse.

Santa Maria delle Grazie a Monte San Martino, weekend nelle Marche
Santa Maria delle Grazie a Monte San Martino, weekend nelle Marche

Spostandoci ulteriormente abbiamo visitato Monte San Martino, dove abbiamo riconfermato l’ormai diffusa intuizione che questo territorio è veramente ricco di arte.

Dal momento che molti edifici di Monte San Martino sono generalmente chiusi, per ragioni di sicurezza, è bene organizzare preventivamente una visita guidata, esperienza che ti porterà a scoprire luoghi come la Chiesa della Madonna delle Grazie, un’antica chiesa rurale situata in posizione panoramica lungo il lato della montagna. Al suo interno sono degni di nota i cicli di affreschi delle tre cappelle laterali. I lavori di restauro della cappella centrale, dedicata alla Madonna delle Grazie, hanno riportato alla luce un ciclo di affreschi risalenti al 1536 e che era stato ricoperto con un affresco più recente.

Spostandosi in centro paese si può visitare la Chiesa di San Martino, dove sono conservati 4 polittici dal grande valore storico e culturale. I polittici sono esposti nelle cappelle laterali della chiesa, che ospita una serie di oggetti e collezioni davvero interessanti.

Proseguendo oltre può essere interessante una visita alla Pinacoteca Civica e poi ancora alla parrocchiale dai decori molto appariscenti.

Sarnano, weekend nelle Marche
Sarnano, weekend nelle Marche

Il caratteristico borgo di Sarnano

L’ultima tappa del mio weekend nelle Marche è stato il borgo di Sarnano, località che conoscevo solo per il nome sentito più volte a seguito del sisma.

Il centro storico di Sarnano venne chiuso per sicurezza e sottoposto ad accertamenti. Risultato non pericoloso è stato recentemente riaperto e, pian piano, la vita sta tornando a scorrere tra le sue vie.

La posizione in cui sorge il borgo lo ha da sempre reso un punto strategico, edificato su una piccola altura si sviluppa a ‘gironi’ concentrici costruiti nel corso dei secoli a mano a mano che, con il crescere della popolazione, si verificava la necessità di espandersi al di fuori delle mura cittadine, che venivano inglobate per diventare una nuova parte della città.

Sarnano oggi è poco abitato, la popolazione si è spostata principalmente fuori dal centro, nella zona più moderna. Il cuore del borgo resta però molto caratteristico, ricco di scorci e di vicoli davvero suggestivi.

Bioagriturismo Le Borette, weekend nelle Marche
Bioagriturismo Le Borette, weekend nelle Marche

Sarnano può essere inoltre un’altra alternativa come base per visitare la zona. Poco fuori dal paese, tra le campagne e immerso nel verde, si trova infatti il Bioagriturismo Le Borette, una struttura accogliente e dove si respira l’atmosfera di casa.

Le Borette è una struttura gay friendly, dispone di due alloggi che possono ospitare un totale di 15 persone e della zona ristorante, il tutto arredato in stile rurale e molto grazioso.

All’esterno, il giardino regala attimi di relax circondati dal verde ed è a disposizione la piscina, nei mesi estivi.

Siamo stati ospiti di Arnaldo proprio per la chiusura del nostro tour, abbiamo potuto assaporare la sua cucina casereccia e genuina e vivere un momento di convivialità che ha contribuito a creare un altro buon ricordo di questo weekend nelle Marche alla scoperta dei Monti Azzurri.

E tu conosci le Marche? Hai mai visitato i Monti Azzurri o il Parco Nazionale dei Monti Sibillini? Te li consiglio per vivere un viaggio indimenticabile in questa regione.

Questo weekend nelle Marche è stato organizzato in collaborazione con Unione Montana Monti Azzurri

Belforte del Chienti, weekend nelle Marche
Belforte del Chienti, weekend nelle Marche
About Gian Luca Sgaggero 563 Articoli
Sono un narratore turistico, appassionato di viaggi fai da te, luoghi, tradizioni e culture lontane, racconto le mie esperienze sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, di autentico e di vero. Non importa dove, come o quando, l'importante è esserci e vivere fino in fondo! Contattami per collaborare con me, sono travel blogger di professione dal 2010, digital content creator, storyteller e social media strategist.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*