Westerplatte, Stutthof e la Fattoria Romana: il passato della Polonia

Westerplatte, Polonia
Westerplatte, Polonia

Stutthof e Westerplatte, così comincia la terza giornata trascorsa in Polonia. Luoghi forti in questo giorno che mi ha portato a varcare i confini della città di Danzica, infatti, per meglio capire questa regione polacca, è bene visitare i luoghi che hanno costruito il passato della Polonia: dalla Fattoria Romana del passato ai più recenti luoghi della grande guerra.

Westerplatte

Lasciamo Danzica diretti a est, il nome di questo luogo ci trae in inganno, Westerplatte significa letteralmente ‘banco di sabbia occidentale’, oggi però la conformazione del terreno appare differente, è merito (o colpa) della Motława, il fiume attorno al quale sorge la città, che riversando terra alla foce ha tramutato il banco di sabbia in una penisola collegata alla terraferma da oriente.

Morfologia del territorio a parte, la vera importanza di questo luogo risale alla Seconda Guerra Mondiale, qui vennero infatti sferrati i primi attacchi del regime nazista tedesco contro la Polonia.

Da Westerplatte a Stutthof

Il peso della storia è di certo suggestivo, come lo è al campo di concentramento di Stutthof, la nostra seconda tappa. Esso è il più grande campo di concentramento della Polonia del nord, dove furono recluse ben 110.000 persone, 65.000 delle quali vi persero la vita a causa delle condizioni di vita estreme a cui erano costrette.

Nelle baracche che un tempo ospitarono tanta sofferenza, oggi si trova una completa esposizione che racconta le condizioni di vita nel campo, numerose sono le testimonianze dirette raccolte, racconti che fanno accapponare la pelle pensando a quanto crudele possa diventare la mente umana in determinate situazioni.

CLICCA QUI: Cerca un hotel a Danzica

Da Westerplatte alla Fattoria Romana in Zulavia, Polonia
Da Westerplatte alla Fattoria Romana in Zulavia, Polonia

La Fattoria Romana

Lasciamo Stutthof diretti verso sud. La visita di questi due luoghi dal grande e terribile peso storico mi hanno un po’ intristito, o forse sarà anche la stanchezza. Arriviamo infine alla Fattoria Romana che si trova a Pruszcz Gdansky, un luogo che sembra recuperato dalle origini del tempo.

Ci troviamo catapultati indietro nel tempo di oltre duemila anni, gli scavi archeologici hanno infatti rivelato che qui si trovava un insediamento di goti datato tra il III sec a.C. e il V sec d.C., ma perché da qualche ritrovamento ricostruire un intero villaggio?

La risposta arriva chiara visitando il museo, che si trova nell’edificio principale, dedicato all’ambra, l’oro del nord.

I reperti rinvenuti permettono infatti di localizzare qui la partenza delle strade dell’ambra che già in epoca precristiana era per gli abitanti di questa zona una risorsa molto preziosa che veniva scambiata con le popolazioni limitrofe e anche con l’Impero Romano in cambio di utensili o gioielli.

Questi sono solo alcuni accenni di quanto scoperto in questa giornata, non mancherò di parlare più nel dettaglio di tutto questo, ma intanto ti lascio questo video che parla di Westerplatte, Stutthof e della Fattoria Romana, un breve racconto del terzo giorno di #blogginpolonia.



Booking.com

Dintorni di Westerplatte, Stutthof, Polonia
Dintorni di Westerplatte, Stutthof, Polonia

promo:

About Gian Luca Sgaggero 606 Articoli
Sono un narratore turistico, appassionato di viaggi fai da te, luoghi, tradizioni e culture lontane, racconto le mie esperienze sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, di autentico e di vero. Non importa dove, come o quando, l'importante è esserci e vivere fino in fondo!Contattami per collaborare con me, sono travel blogger di professione dal 2010, digital content creator, storyteller e social media strategist.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*